QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
AREZZO
Oggi 11°27° 
Domani 23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 25 settembre 2016

Attualità martedì 05 gennaio 2016 ore 08:35

Arezzo Fiere, la Regione lascia

La Regione non considera la sua presenza strategica e la scelta rientra nelle linee essenziali del piano di razionalizzazione di società partecipate

AREZZO — Il 2014 si era chiusa con perdite nelle società termali di Montecatini e Chianciano, in quelle fieristiche di Arezzo e Carrara e in Fidi Toscana, in questo ultimo caso per gli effetti della crisi economica che ha colpito imprese per cui la società aveva rilasciato garanzie.

"Il nostro piano – spiega l'assessore Bugli - sembra in linea con il decreto legislativo che sta predisponendo il Governo. Per noi era d'obbligo avere un piano di riorganizzazione in questo settore dopo che abbiamo fatto scelte di riorganizzazione di tutta la Regione".

Il piano appena licenziato fissa modi e tempi certi affinché entro il 2017 tutte o la maggior parte delle partecipazioni non strategiche siano cedute. La Regione potrà ricorrere ad aste pubbliche precedute da manifestazione di interesse, ovvero un bando a cui gli interessati potranno rispondere; si potranno cedere quote attraverso accordi con gli altri soci pubblici: è il caso di terme e fiere, con l'obiettivo di conservare la proprietà pubblica dei complessi di particolare interesse storico-artistico e culturale.

Con il nuovo piano di razionalizzazione, delle 23 società a fine 2014 nel portafoglio regionale resteranno al massimo nel patrimonio della Regione dieci società: Fidi Toscana, ovvero la finanziaria di cui la Regione è socio di maggioranza con oltre il 46 il per cento delle azioni, l'Agenzia regionale Recupero Risorse e Sviluppo Toscana, tutte e due società in-house, e le società nel comparto delle infrastrutture e della logistica (ovvero Toscana Aeroporti, Ala Toscana, Seam spa, Interporto Vespucci, Interporto Toscana Centrale, Logistica Toscana e Italcertifier, acquisita con l'11 per cento nel 2015). Considerando le società nel frattempo fuse e quelle già dismesse o in liquidazione, la Regione dovrà liquidare la società Logistica Scarl ed uscire da sette società: Banca Etica, Arezzo Fiere e Congressi S.p.a, Firenze Fiera S.p.A. e Internazionale Marmi e Macchine S.p.A. di Massa e Carrara, Terme di Casciana S.p.A, Terme di Chianciano Immobiliare S.p.A., Terme di Montecatini Immobiliare S.p.A.

"Abbiamo ipotizzato di incassare fino ad un massimo di circa 30 milioni – continua Bugli – Anche qualora non si riuscisse ad incassare per intero questa somma stimata, si tratterebbe comunque di entrate significative per il bilancio regionale che potranno essere utilizzate a favore della tenuta dei servizi e degli investimenti. Riguardo all'obbligo che sembra essere contenuto nella bozza di decreto legislativo attuativo della riforma Madia, di sostituire gli attuali consigli di amministrazione nelle società a controllo pubblico con amministratori unici, – aggiunge l'assessore – da tempo stiamo andando in questa direzione laddove le nostre quote proprietarie e le situazioni aziendali ci hanno consentito di farlo; già adesso abbiamo amministratori unici in 5 società e sarà molto positivo poter intervenire in tal senso anche sulle altre potendo contare anche sull'eventuale norma nazionale".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità