QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
AREZZO
Oggi 18°30° 
Domani 16°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 21 giugno 2018

Attualità mercoledì 20 dicembre 2017 ore 17:32

Sale giochi bandite dal centro storico

Approvato in consiglio comunale il nuovo regolamento che limita anche phone center, money changer, compro oro



AREZZO — Nel centro storico niente phone center, money changer, attività di imballaggio, compro oro e sale giochi. E' quanto inserito nel nuovo regolamento sull'area approvato in consiglio comunale.

"L'obiettivo - ha spiegato l'assessore Marcello Comanducci - è quello di tutelare l'immagine del centro storico,salvaguardandone le peculiarità e considerandola base per lo sviluppo commerciale e turistico futuro. Il regolamento prende in esame tre grandi temi: la limitazione ad alcune tipologie di attività commerciali, una maggiore attenzione al decoro e all'immagine della città e garanzie aggiuntive per gli eventi che si svolgono in zone di interesse storico e culturale". 

Nella zona uno non saranno consentiti market e minimarket; le officine meccaniche di riparazione auto e moto, carrozzerie ed elettrauto; sale da ballo, discoteche e night club; sexy shop o attività che di vendita di materiale erotico o pornografico.

Ovviamente l'apertura di uno di questi esercizi o negozi sarà sanzionata pecuniariamente con conseguente chiusura immediata.L''intero regolamento sarà consultabile nel sito del Comune.

Minori prescrizioni nella zona 2 dove potranno trovare spazio market e minimarket purché con superficie di almeno 40 metri quadrati e dove siano posti in vendita prevalentemente prodotti italiani delle seguenti tipologie: frutta fresca, verdura fresca, prodotti da forno, latticini, carne, pesce. Le attività a oggi esistenti, indipendentemente dalla continuità della gestione, non avranno le prescrizioni previste; tuttavia non potranno essere ampliate se non per comprovati motivi di sicurezza o igiene. Market e minimarket avranno tre mesi di tempo per integrare quanto già in vendita con prodotti italiani di frutta e verdura fresca, prodotti da forno, latticini, carne,pesce.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca