QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
AREZZO
Oggi 17°21° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 30 agosto 2016

Attualità mercoledì 23 marzo 2016 ore 09:39

Troppe rapine, Securpol a rischio posti di lavoro

Altissimo il rischio per i lavoratori, ben 99 solo in Toscana, ai quali è stato paventato lo spettro della perdita del loro posto alla Securpol Group

AREZZO — L’istituto di vigilanza, sarebbe in procinto di licenziare buona parte dei suoi dipendenti. La causa sarebbero le troppe rapine che si stanno susseguendo in Italia e i costi per le assicurazioni che lievitano. A livello nazionale l’azienda ha avviato la procedura di licenziamento per 254 dipendenti. Le province coinvolte dalla riduzione d’organico sono Viterbo, Catanzaro, Alessandria, Torino, Milano, Napoli, Pesaro Urbino, Venezia, L’Aquila. E in Toscana Arezzo, Livorno e Grosseto sarebbero a rischio 99 posti di lavoro, 54 in provincia di Arezzo. L’allarme arriva dal sindacato Uiltucs e riguarda la Securpol Group. Sarebbero coinvolti lavoratori di Grosseto e Livorno, oltre che di Arezzo. Aree in cui la Securpol – recita la nota Uiltucs – vuole mettere in atto “licenziamenti per riduzione del personale”, come si legge nella missiva inviata alla Uiltucs Toscana, la categoria della Uil che si occupa di Turismo, Commercio e Servizi. “I posti di lavoro vanno salvaguardati in modo tangibile”. Parola dell’organizzazione sindacale, che segue con estrema attenzione e senza sosta la vicenda, in ogni territorio, Toscana Centro, Costa e Sud, per tentare di gestire al meglio l’emergenza. “E’ una notizia che non avremmo voluto mai sentire e noi, come Uiltucs – spiega il segretario generale della Toscana Marco Conficconi – diamo piena e totale disponibilità a costruire in tempi rapidi degli accordi integrativi regionali per entrare nel merito dei costi aziendali. La disponibilità c’è. Anche di andare a vedere quale è la reale situazione e come poterla gestire al meglio per salvare i lavoratori”. Il dettaglio dei lavoratori coinvolti secondo Uiltucs: 54 Gpg ad Arezzo, 11 a Grosseto e 29 a Livorno, oltre a 5 operatori in contazione divisi tra il capoluogo labronico e Grosseto.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità