QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
AREZZO
Oggi 15°16° 
Domani 13°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 30 maggio 2016

Attualità lunedì 25 gennaio 2016 ore 12:16

“Progetti mirati per l’integrazione”

L'assessore regionale Bugli l'ha ripetuto all'incontro organizzato dalla Prefettura, presenti prefetti Guidi e Morcone, capo dipartimento immigrazione

AREZZO — La Toscana tra il 2014 e il 2015 ha ospitato oltre seimilaquattrocento richiedenti asilo e c’è da aspettarsi che con la primavera il flusso riprenda ai ritmi dello scorso anno e tentare inserimenti rapidi e intelligenti per quelli presenti: "Solo però conoscendone la storia e le capacità si possono pensare progetti di inserimento seri e concreti. Abbiamo pensato che fosse necessario un software per raccogliere il profilo di tutte queste persone e fra un paio di settimane – annuncia l'assessore – l'avremo disponibile e potremo individuare percorsi idonei di inserimento formativo e lavorativo".

I progetti di inserimento attualmente vengono svolti con i progetti Sprar (il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati). Attualmente in Toscana ci sono 14 progetti Sprar della durata di 3 anni che vedono coinvolti 680 cittadini stranieri e sono finanziati dal ministero e per circa il 10% dai Comuni, che sono anche i soggetti che presentano i progetti. Adesso è aperto un bando nazionale per 10.000 posti riservati ai Comuni che ora non hanno progetti.

"Lo Sprar è il modo migliore per l'inserimento - ha detto Vittorio Bugli - ed è auspicabile che molti comuni toscani partecipino al bando del ministero. Per questo, in accordo con l'Anci, abbiamo convocato tutti i comuni e i gestori per il primo febbraio. Non solo, ma il modello Sprar può diventare anche quello da seguire per la futura accoglienza, trattando il profugo già dal suo arrivo con modalità simili a quelle dello Sprar”.

Per incentivare il ruolo dei comuni l'assessore ha proposto di pensare anche a soluzioni nuove e condivise. Una potrebbe essere quella per cui divengono da subito i soggetti che si propongono direttamente per l'accoglienza, gestendo le risorse che provengono dal Ministero, come già ora avviene in alcune situazioni. Per questo servono anche modalità nuove che consentano da subito l'avvio dell'inserimento dei profughi.

"E' sempre più decisivo – aggiunge l'assessore - che tutti i comuni abbiano strutture di accoglienza sul proprio territorio e questo funziona meglio se i sindaci possono sceglierle ed entrare anche nella gestione. La fase in cui siamo non consente di non occuparsi di questo tema".

Bugli ha anche chiesto al Prefetto Morcone di mantenere la disponibilità del Ministero per affrontare insieme questi temi, come è accaduto finora con soddisfazione reciproca. Ha chiesto anche di avere una risposta circa la possibilità di adottare l'accoglienza in famiglia come metodo riconosciuto e strutturato, vista la disponibilità che le famiglie toscane hanno mostrato e le positive ricadute che avrebbe questo sistema.

L'assessore ha poi toccato il tema dei minori non accompagnati, annunciando presto provvedimenti da parte della Giunta regionale che consentano di affrontare meglio il problema, che rimane il più serio e delicato.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Attualità

Cronaca