comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
AREZZO
Oggi 20°35° 
Domani 20°35° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 11 agosto 2020
corriere tv
Foggia, assalto a portavalori: il fumo avvolge l'A14

Attualità domenica 05 luglio 2020 ore 12:45

​Musica dal Cielo per abbracciare Alex Zanardi

Dalla Torre il concerto per sostenere il campione e ricordare Thomas. Presente il vicesindaco di Arezzo Gamurrini. Il sindaco Agnelli: "Forza Alex"



CASTIGLION FIORENTINO — Il cielo è un ricamo di stelle, la luna il suo controcanto. Dalla Torre del Cassero a Castiglion Fiorentino la Musica cade dal Cielo nel concerto dedicato ad Alex Zanardi e a Thomas Lorenzetti

I castiglionesi fanno sentire il loro calore al campione che lotta per la vita in un letto d'ospedale a Siena e rivolgono un tributo al giovane imprenditore morto un mese fa in un incidente stradale. E' una serata carica di messaggi quella ideata da Carlo Landucci, imprenditore, creativo, maestro di fotografia e molto altro ancora, condivisa con il sindaco Mario Agnelli e il resto dei castiglionesi. 

Dalla sommità della Torre medievale le note della chitarra elettrica di Giacomo Ghezzi, musicista talentuoso, si librano nell'aria e regalano emozioni fortissime: davanti a lui ci sono i genitori di Thomas Lorenzetti, la sorella e la fidanzata. Il concerto si apre con “Black” il brano dei Pearl Jam che Thomas amava: note lunghe, graffianti.

Sul prato del Cassero sta coi suoi pensieri Gianfrancesco Gamurrini, vicesindaco di Arezzo che quel sabato di giugno era con Thomas a dividere la passione per le moto e un viaggio al mare. E' stato il primo a soccorrerlo nei minuti concitati che separano la vita dalla morte. Sono tutti qui a ricordare Thomas e a fare il tifo per Alex: da ogni piazza del paese, ci sono persone fuori che ascoltano e applaudono.

La Torre del Cassero è vestita con le luci del Tricolore e in una sera carica di messaggi è l'abbraccio ideale con l'Italia dopo i mesi del lockdown e i trentasette mila morti, soldati caduti sul campo di battaglia, immolati contro un nemico invisibile e spietato. Anche questa è memoria da custodire e tramandare.

Il concerto dalla Torre aveva una data, 19 giugno 2020 ed era previsto per celebrare l'incontro della città con Alex Zanardi, sulla handbike a macinare chilometri e attraversare l'Italia solidale per il suo progetto Obiettivo3: sostenere gli atleti paralimpici. Quella mattina a Castiglioni coriandoli tricolore hanno accolto il suo arrivo con la carovana al seguito, il sindaco Mario Agnelli in sella alla bici con l'immancabile fascia tricolore “incorporata” alla maglietta, il campione di ciclismo Daniele Bennati, Enrico Fabianelli e Carlo Landucci

“Ci siamo conosciuti pedalando insieme e ho scoperto un uomo straordinario, di una forza unica”, commenta Agnelli che rivela un particolare davvero significativo: “Quella mattina ho consegnato ad Alex una lettera dell'amministrazione comunale con cui gli ufficializzavo l'assegnazione del San Michele d'oro, al campione. E' il nostro premio più prestigioso. Alex ha letto la lettera dalla sua handbike, poi ha alzato la testa e mi ha fissato coi suoi occhi penetranti che non scorderò mai. 'Ti ringrazio, ma io di premi nella mia vita ne ho ricevuti tanti...'. Una pausa e quell'apparente rifiuto si è trasformato in un'idea stupenda che fa capire la grandezza dell'uomo. Alex ha aggiunto: 'Però, possiamo fare così: io ti indico un campione che non ha tutti i riconoscimenti che ho avuto io e io lo vengo a premiare...'. In quel momento mi si è aperto il cuore e ho ricevuto una lezione di vita straordinaria”

Poche ore dopo, il dramma. “E' stato un dolore lancinante perchè è come se avessi conosciuto Alex da sempre. In quelle poche ore nelle quali abbiamo pedalato insieme ho avuto il privilegio di avere al mio fianco un amico vero, immenso”, commenta Carlo Landucci tra la commozione e le notizie che rimbalzano da Siena e tengono accesa la speranza.

Abbiamo voluto stabilire un collegamento con la musica a fare da collante; tutto discende da cielo e si propaga ovunque: un abbraccio e il nostro 'Forza Alex' che da qui arriva a Siena, volando sulle note della chitarra di Giacomo e l'affetto di ciascuno di noi. Dal cielo scende la musica, tributo a Thomas e al ricordo incancellabile che ha lasciato nella nostra comunità”, commenta il sindaco Agnelli.

L'ultimo brano racconta il coraggio de Il Gladiatore sul tema di “Now We Are free” tratto dalla colonna sonora del film. Note struggenti: i fumogeni tricolore avvolgono la Torre e si librano nell'aria, poi si dissolvono sull'immagine di un cartello che il sindaco tiene tra le mani: è una foto di Alex e la sua handibike scattata a Castiglion Fiorentino in quel giorno di festa e di lacrime. Ci sono due parole impresse: Forza Alex! Siamo tutti qui a ripeterlo. E lui lo sa.

Lucia Bigozzi
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni 2020

Attualità

Attualità

Attualità