Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:12 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 28 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Mattarella rende omaggio alla Marina sulla nave fregata Bergamini a Cipro

Attualità sabato 22 gennaio 2022 ore 08:00

Rio Fiumicello rimesso in sesto dopo le piene

Il corso d'acqua attraversa Palazzo del Pero e confluisce nel Cerfone. Importante intervento idraulico del Consorzio di Bonifica



AREZZO — Il Rio Fiumicello a Palazzo del Pero, alle porte di Arezzo, nei pressi della sua confluenza nel Cerfone, ha cambiato volto. A migliorare la funzionalità del corso d’acqua il Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno, intervenuto con una efficace “terapia” per “curare” le opere idrauliche presenti sull’affluente del torrente che separa il capoluogo di provincia dalla Valtiberina.

Un restyling indispensabile per restituire efficienza al tratto messo a dura prova dal passaggio delle piene e dalla dinamica stessa dell’asta fluviale che, a una manciata di chilometri dalla città, attraversa il piccolo abitato.

Gabbioni metallici deteriorati e ribaltati; fenomeni erosivi che interessavano le sponde per decine di metri; manufatti sia a monte che a valle del ponte, che attraversa la strada vicinale, con i primi evidenti segni di scalzamento: sono questi i problemi che, da qualche tempo, minavano il funzionamento del rio, aumentando il rischio idraulico a cui era esposta la frazione aretina.

Una volta diagnosticati i “malanni”, è stata studiata ed eseguita la “cura”.

“L’attività di manutenzione sul Fiumicello, inserita tra gli interventi incidentali, è stata completata da poco - commenta l’ingegner Enrico Righeschi, che nel settore difesa idrogeologica dell’ente, è il referente per le Unità Idrografiche Omogenee Valtiberina e Casentino. - Lo scopo dell’operazione era di ripristinare quanto prima lo stato iniziale della difesa di sponda per evitare ulteriori futuri crolli e ribaltamenti dei gabbioni metallici e per preservare le opere esistenti, anche attraverso la riprofilatura di una parte della sponda destra e la movimentazione di materiale per ridurre, sempre in destra idraulica, il fenomeno dello scalzamento al piede delle protezioni spondali”.

“Il prezioso lavoro di controllo e di monitoraggio svolto sul territorio dai nostri tecnici, insieme alle segnalazioni di cittadini e amministratori, ci consente di individuare e risolvere le criticità che possono manifestarsi in modo imprevedibile. In questo, come in altri casi, il tempismo dell’azione ci ha consentito di sanare situazioni delicate e mitigare il rischio idraulico in zone dove si concentrano abitazioni e attività" termina il presidente Serena Stefani


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno