Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:AREZZO19°39°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 19 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La corsa dei russi in moto per evitare le bombe ucraine
La corsa dei russi in moto per evitare le bombe ucraine

Attualità giovedì 18 maggio 2017 ore 13:00

Santa Rita, stop all’abusivismo delle rose

Valeria Alvisi: “Fino ad oggi gli operatori abusivi hanno preso d’assalto la Piazza vendendo abusivamente i fiori per poi lasciare sporcizia”



AREZZO — Lunedì 22 maggio in occasione della festa di Santa Rita la cui ricorrenza ad Arezzo viene celebrata nella chiesa di Santa Flora e Lucilla in Piazza della Badia, ci sarà uno stand di fiori e piante che consentirà ai fedeli di acquistare piante e fiori recisi per poi deporle all’altare in segno di devozione secondo un’antica tradizione. 

L’iniziativa è promossa da Confesercenti che ha raccolto l’esigenza dei commercianti di Piazza della Badia e rientra all’interno di una campagna per contrastare l’abusivismo nelle strade. Un modo per favorire quindi gli acquisti legali nel settore florovivaistico.

“Generalmente – dichiara Valeria Alvisi responsabile della zona aretina di Confesercenti – nel giorno di Santa Rita, in piazza della Badia c’è un grande flusso di fedeli che vanno a benedire le rose per poi deporle all’altare della chiesa di Santa Flora e Lucilla. Fino ad oggi gli operatori abusivi hanno preso d’assalto la Piazza vendendo abusivamente i fiori per poi lasciare sporcizia in piazza causando non poche lamentele tra chi ogni giorno con le attività in sede fissa lavora per il decoro e l’accoglienza di piazza della Badia. L’associazione di categoria ha quindi raccolto l’appello dei commercianti che hanno sollecitato la previsione di un operatore commerciale che con professionalità venderà i fiori e le piante. Naturalmente Confesercenti solleciterà l’intervento delle Forze dell’Ordine nel caso nel giorno di Santa Rita si presentassero venditori non autorizzati. L’obiettivo è quello di dare un miglior aspetto in occasione della celebrazione e contrastare fenomeni illegali che penalizzano chi ha fatto dell’attività di fioraio una professione”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno