Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:03 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La festa dell’Alcione per la promozione in serie C: è la prima volta in 72 anni

Cultura giovedì 10 luglio 2014 ore 18:39

Per la prima volta in Italia le opere di Chilingarova e Smirnov

Al via la mostra “Il Libro della Speranza – Un soggetto biblico nel XXI secolo” aperta al pubblico sino al 10 settembre ad ingresso gratuito



AREZZO — È stata inaugurata l’esposizione “Il Libro della Speranza – Un soggetto biblico nel XXI secolo”

Promossa dalla diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro e dall’Accademia delle belle arti di Russia, presenta per la prima volta in Italia opere del maestro Aleksandr Smirnov e della prof.ssa Kamilla Chilingarova. 

La mostra riunisce realizzazioni d’arte contemporanea, di collezioni pubbliche e private provenienti da vari Paesi del mondo, che raccontano storie dell’Apocalisse capaci di interpretare il passato, valorizzare il sacro e creare un forte legame con il presente. Una mostra da godersi con calma contemplando la minuzia delle chine e degli acquerelli su carta o immergendosi nell’atmosfera rarefatta delle tempere su tavola. Il bianco e il nero, tratti rossi e blu con le venature del lapislazzulo accompagnano il visitatore in un percorso fatto di 38 opere che parlano di maternità e speranza partendo da alcuni brani dell’Apocalisse e dei Vangeli.
“Dobbiamo renderci conto che ogni artista è come un commentatore della Sacra Scrittura – ha spiegato l’arcivescovo Riccardo Fontana -. La Bibbia permette e aiuta ognuno di noi a maturare la verità e la coscienza di ciò che siamo. Ma affinché ciò possa avvenire, occorre considerarsi parte di essa, nella speranza di giungere, con sofferenza e amore, a riconoscersi anche in una sola riga di questo Libro, a partecipare al suo svolgersi. Solo allora - aggiunge l’Arcivescovo - sarà possibile imparare il senso e la pienezza della vita ed incontrare così la Salvezza”.


La mostra nasce da un’idea e dalla passione dell’ingegner Ilya Savelye ed è stata allestita grazie a un progetto e direzione artistica di Domenico Alberti, dell’interior design Luisa Danesi Gori, della direttrice dell’ufficio diocesano per l’Arte Sacra Serena Nocentini e dell’architetto Gianclaudio Papasogli Tacca.


La mostra è a ingresso gratuito ed è stata allestita nella Loggia di San Donato presso la Cattedrale di Arezzo; rimarrà aperta fino al 7 settembre con orario 10-18. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno