Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:40 METEO:AREZZO16°29°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 25 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Strage in una scuola in Texas, in un video il momento in cui il killer entra nell'edificio

Attualità giovedì 07 ottobre 2021 ore 17:05

“Valentino Shoes senza certezze per il futuro"

L'incendio alla Valentino Shoes di Levane
L'incendio alla Valentino Shoes di Levane

A 7 mesi dall’incendio che ha distrutto lo stabilimento di Levane, l’azienda non ha rivelato i suoi piani. Innocenti (Filctem Cgil): “Inaccettabile”



LEVANE — Qualcuno si è già licenziato ed è andato a lavorare da un’altra parte. Gli altri colleghi sono “sparpagliati” in varie sedi. Il clima di incertezza per i dipendenti della Valentino Shoes è palpabile. A sette mesi dall’incendio che ha distrutto lo stabilimento del calzaturificio di Levane nell’area industriale del Comune di Bucine, l’azienda – dice la Filctem Cgil – tace. 

Nessuna notizia su un piano di ricostruzione della fabbrica (annunciato subito dopo il rogo) né sulle intenzioni di rilancio dell’attività. A fronte di questa situazione di stallo “l'azienda vuol discutere del premio di produttività” sottolinea Gabriele Innocenti, segretario provinciale della sigla sindacale, “noi del futuro”.

"La Valentino – spiega Innocenti - ci ha convocato per discutere del premio aziendale. La ringraziamo e l'argomento ci interessa ma prima dei soldi vogliamo discutere del futuro di questa azienda e dei suoi 160 lavoratori".

Il rappresentante della Filctem Cgil, torna sulla vicenda della fabbrica ancora senza una nuova e vera identità territoriale. "Il tempo passa e i problemi si accumulano. Una decina di addetti, figure fortemente professionalizzate, si sono licenziate per andare a lavorare altrove. È ovviamente un loro diritto ma rende evidente che non c'è sicurezza sul futuro. Sono passati oltre 7 mesi dall'incendio e non ci sono novità. 60 lavorano a Levane nello stabilimento preso in affitto da Prada; altrettanti a Capraia in una sorta di condominio produttivo che li vede lavorare solo di pomeriggio e altri 60 Bucine. Altri 30 in un magazzino della zona ai quali dobbiamo aggiungere i circa 50 dipendenti della Valentino SPA che loro malgrado sono pienamente coinvolti nella vicenda”.

Secondo il segretario della Filctem Cgil questa non è una situazione accettabile. "Siamo perfettamente consapevoli che un nuovo stabilimento deve essere progettato, localizzato e costruito. I tempi non potranno essere brevi ma qui non è iniziato nemmeno il conto alla rovescia. Non abbiamo la minima notizia sulle intenzioni della Valentino e quindi sul futuro dei lavoratori. Il 18 ottobre ci presenteremo all'incontro con la Direzione ma all'ordine del giorno porremo un argomento che deve essere discusso prima del premio di produttività e cioè il futuro della Valentino. Dopo l'incontro con l'azienda – conclude Innocenti - organizzeremo le assemblee dei lavoratori in tutti i siti dove oggi sono distribuiti e, in caso di ulteriore silenzio aziendale, programmeremo iniziative di mobilitazione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il fendente recuperato da un cittadino durante una passeggiata. Adesso è in custodia dal sindaco. Carabinieri e soprintendenza sveleranno il mistero
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità