Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Massimo Bernardini lascia 'Tv Talk', il saluto e l'addio commosso: «Devo andare, mia moglie mi aspetta»

Attualità lunedì 07 settembre 2015 ore 14:03

Pendolari: “La galleria San Donato non si tocca”

La porta del treno Jazz volata nella galleria San Donato è stata l'occasione per bandire i treni pendolari dalla linea direttissima Arezzo-Firenze



VALDICHIANA — I pendolari inviano una lettere al governatore della Regione Enrico Rossi, all’Assessore regionale ai Trasporti Vincenzo Ceccarelli e ai Responsabili di Trenitalia ed Rfi, dove si dicono contrari alla chiusura della galleria San Donato ai treni pendolari.

“Apprendiamo con molta preoccupazione dall’articolo de “Il Tirreno” del 6 Settembre 2015, che l’agenzia della sicurezza ferroviaria ritiene che non solo i Jazz e i Vivalto, ma tutto il resto del materiale rotabile del trasporto regionale non debba più percorrere la galleria del San Donato se non dietro certificazione e assunzione di responsabilità da parte delle imprese costruttrici delle carrozze.

Quello che sospettavamo purtroppo si è avverato, questo significa aumentare il percorso ferroviario Valdichiana-Firenze-Valdichiana di 20 min teorici perché nella pratica diventerebbero tra i 30 e i 40 min. E questo è inaccettabile perché si torna indietro di 20 anni a vantaggio del 5% dei viaggiatori dell'Alta Velocità. Per 12 km di galleria San Donato, i treni AV possono benissimo diminuire la velocità a 160 km/h, come quella dei treni pendolari”.

Pertanto i pendolari della Valdichiana chiedono di garantire la sicurezza imponendo la limitazione della velocità a tutte quelle Frecce e Italo che incrociano treni regionali nella galleria di San Donato finché non saranno ottenute tutte le necessarie certificazione o apportate tutte le opportune modifiche alle porte da chi di competenza.

“Non è tollerabile che a pagare le conseguenze dello scarico delle responsabilità siano ancora una volta i pendolari della Valdichiana, città di Arezzo e Valdarno che vedrebbero allungare i tempi di percorrenza dei loro viaggi.

Nell’area fiorentina si spenderanno almeno 1,65 miliardi di euro per accorciare di poco più di 5 minuti la percorrenza delle Frecce e Italo nella tratta Bologna-Firenze-Roma. Non si può accettare che per migliaia di pendolari Toscani invece l’unica soluzione per garantirne la sicurezza sia l’allungamento dei tempi di viaggio”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno