Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:50 METEO:AREZZO19°34°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La maledizione del fondatore. Dopo Bossi, anche Grillo scomunica il suo partito
La maledizione del fondatore. Dopo Bossi, anche Grillo scomunica il suo partito

Attualità giovedì 23 marzo 2023 ore 19:15

Ad Arezzo è Capodanno dell'Annunciazione

Il 24 25 26 marzo in città una raffica di eventi, spettacoli e convegni per la valorizzazione della rievocazione storica



AREZZO — Arezzo capitale della rievocazione storica da venerdì 24 a domenica 26 marzo in occasione del Capodanno dell’Annunciazione, antica tradizione toscana reintrodotta nel 2015 dal Consiglio Regionale che riporta in auge la consuetudine in vigore fino al 1749 di iniziare l’anno civile il 25 marzo, giorno in cui la Chiesa cattolica colloca la festa dell'Annunciazione che ad Arezzo si celebra ogni anno con la “Festa dei Fiori” nelle vie limitrofe alla Chiesa della Santissima Annunziata.

L’amministrazione comunale ha deciso, quest’anno, di ospitare le celebrazioni con un ricchissimo programma di eventi, spettacoli e convegni che, sotto l’attenta organizzazione dell’Ufficio Politiche Culturali e Turistiche, radunerà ad Arezzo dal 24 al 26 marzo 57 gruppi di rievocazione provenienti da tutta la Toscana e circa mille figuranti che sfileranno, sabato 25 marzo, nel centro cittadino in una grande parata storica che si concluderà sul sagrato della Cattedrale con lo schieramento di tutte le compagini e la consegna, al Governatore Eugenio Giani, dello Scettro con il Pegaso realizzato dal Maestro Francesco Conti che sarà, da questa edizione in poi, il simbolo del Capodanno dell’Annunciazione. Una giornata di grande festa per il mondo delle rievocazioni storiche toscane e un simbolo destinato a passare di mano in mano come il testimone di una staffetta tra i vari comuni che anno dopo anno ospiteranno questa manifestazione che, nella diversità di suoni, colori, epoche storiche e tradizioni, unisce tutta la regione.

L’evento è organizzato in collaborazione con il Comitato regionale della Rievocazioni Storiche della Toscana, la Giunta Regionale e il Consiglio regionale e vedrà coinvolti, oltre ai gruppi provenienti da tutta la Toscana, i quattro quartieri e le associazioni della Giostra del Saracino, anche Poste Italiane sezione Marcofilia della Regione Toscana, Biblioteca Città di Arezzo, Casa Museo Ivan Bruschi, Museo dei Mezzi di Comunicazione e Fondazione Arezzo Intour.

Il programma della tre giorni inizierà domani, venerdì 24 marzo, alle 17.00 con l’incontro dal titolo “Tutela e valorizzazione delle Rievocazioni Storiche: dalla Legge regionale alla Legge Nazionale” presso il teatro Vasariano che sarà seguito alle 19.30 dal saluto, in Piazza Grande, della Giostra del Saracino, con l’esibizione del Gruppo Musici, degli Sbandieratori di Arezzo e di Signa Arretii.

Sabato si comincia al mattino, alle 9.15, con l’annullo filatelico celebrativo del Capodanno dell’Annunciazione in collaborazione con Poste Italiane al percorso espositivo “I Colori della Giostra”. Alle 10.30, al Teatro Vasariano, si svolgerà l’Assemblea Annuale della Rievocazione Storica Toscana e nel pomeriggio, dalle 16.00, il clou della tre giorni, con la parata storica che partirà da Via Roma alle 16.15 per sfilare lungo Corso Italia, via di Seteria, Piazza Grande, via Vasari, via dei Pileati e via Ricasoli dove il corteo si schiererà sul sagrato del Duomo. Qui, alle 18.00, il saluto istituzionale e la consegna dello scettro simbolo della manifestazione.

Sempre sabato 25, alle 20.30 “Arezzo ti incanta”, camminata notturna alla scoperta di palazzi e vedute inconsuete del centro storico con aperture straordinarie del Palazzo Comunale, della Casa Museo di Ivan Bruschi e del Quartiere di Porta del Foro.

Domenica mattina, alle 9.30, visita guidata dedicata al tema de “L’Annunciazione ad Arezzo” e nel pomeriggio, dalle 15.30, le piazze aretine (Piazza Sant’Agostino, Piazza Sant’Jacopo e Piazza Risorgimento) si animeranno con i colori e i suoni delle esibizioni di numerosi gruppi storici della Toscana. In concomitanza, alle 16.30, presso la Biblioteca Città di Arezzo si svolgerà l’incontro dibattito sul Capodanno dell’Annunciazione preceduto, alle 15.00 dall’evento “Ab incarnatione: quando l’anno iniziava il 25 marzo”, mostra di testi a stampa e manoscritti della Biblioteca Città di Arezzo.

Per tutte e tre le giornate, 24, 25 e 26 marzo, il percorso espositivo “I Colori della Giostra” ospiterà la collaterale “Il tempo attraverso colori, epoche storiche e tradizioni”, esposizione di manifesti, abiti d’epoca e accessori dei gruppi di rievocazione storica della Regione Toscana. Per l’occasione il museo sarà ad ingresso gratuito e osserverà il seguente orario di apertura: domani, venerdì 24 marzo, dalle 16 alle 19; sabato dalle 9.15 alle 19 e dalle 20 alle 23 e domenica dalle 10 alle 19.

Anche il Museo dei Mezzi di Comunicazione e la Casa Museo Ivan Bruschi parteciperanno alle celebrazioni del Capodanno con eventi dedicati. Al Mumec da sabato 25 marzo fino al 10 aprile sarà visitabile l’esposizione temporanea “Il tempo antico in Toscana” con stampe inedite, orologi e altri oggetti dedicati al cambiamento del sistema di misurazione del tempo. Sabato 25 marzo, invece, la Casa Museo Ivan Bruschi proporrà una visita guidata dal titolo “Viaggio nel tempo”, tra oggetti della collezione di Ivan Bruschi che raccontano culture, personaggi e luoghi che sono arrivati a noi come testimoni dei secoli passati e la mostra “La sottilità dell'aria. Arezzo e il suo territorio negli archivi Alinari” con le immagini dei fotografi che hanno immortalato il territorio aretino a cavallo tra Ottocento e Novecento. Al termine del percorso sarà possibile vedere il Proclama in cui i valorosi cavalieri cristiani di Arezzo furono sfidati dal Buratto Re delle Indie. Il documento datato 1674, anno della Giostra in onore del Cardinale Corsini, Vescovo di Arezzo, racconta un pezzo di storia della Giostra del Saracino.

Per storicizzare l’evento è stata realizzata una medaglia celebrativa che sarà consegnata a tutti i gruppi storici della Toscana che arriveranno ad Arezzo oltre all’annullo filatelico che, una volta terminato il periodo di utilizzo da parte di Poste Italiane, entrerà a far parte del Museo Storico della Comunicazione.

“Parte da Arezzo il “viaggio” tra le province della Toscana del Capodanno dell'Annunciazione, e la città si è preparata al meglio per accogliere e valorizzare lo straordinario patrimonio di tradizioni di cui è ricca la nostra regione – ha dichiarato l'assessore Federico Scapecchi - A dare il benvenuto saranno i colori e i costumi della nostra manifestazione più popolare ed identitaria, la Giostra del Saracino, che sempre più si va affermando nel panorama delle rievocazioni storiche. Saranno tre giorni di festa e di incontri, una bella occasione per far conoscere la nostra città, con le sue strade e le sue piazze pronte a ricevere le tradizioni della nostra regione. Desidero ringraziare il sindaco Ghinelli per avermi dato l'opportuità di seguire l'organizzazione di un appuntamento così importante, i nostri uffici, in particolare l'ufficio politiche culturali e turistiche e Giostra del Saracino, per il grande lavoro che hanno svolto con competenza ed entusiamo, l'intero mondo della Giostra a partire dai quartieri che si sono messi a disposizione per la migliore accoglienza ai gruppi storici, e alla Polizia Municipale, che sarà impegnata al massimo per il regolare svolgimento di questa tre giorni speciale”.

“Voglio ringraziare sentitamente l'intera macchina della Giostra del Saracino che nonostante il poco tempo a disposizione si è rivelata come al solito estremamente efficiente. Le associazioni e i quartieri che ospiteranno i gruppi delle province toscane si sono rivelati fondamentali per la gestione dell'accoglienza e l'organizzazione della manifestazione. Sono inoltre estremamente soddisfatto che all'interno dell'assemblea annuale della rievocazione storica sia stato inserito l'intervento che ho proposto relativo all'uso degli animali e in particolare ai protocolli di particolare cura del cavallo che utilizziamo per la Giostra del Saracino e che, dati alla mano, dimostrano un estrema attenzione al benessere degli animali”, ha detto il consigliere delegato alla Giostra del Saracino Paolo Bertini.

“Siamo molto contenti che la celebrazione quest’anno si tenga nella città di Arezzo, scelta dettata dalla consapevolezza della grande esperienza che la città vanta in questo genere di eventi. La Giostra del Saracino è una delle manfestazioni meglio conosciute nel mondo per la capacità rievocativa e la perfetta organizzazione che la caratterizza - ha detto Roberta Benini presidente del Comitato Storico Regionale Toscana - Questo appuntamento fa della Toscana il naturale punto di riferimento di tutto il mondo della rievocazione storica, un grande patrimonio culturale immateriale che affianca l’immenso patrimonio storico-artistico di cui la Toscana in generale, ed Arezzo in particolare, sono molto ricche”.

“Stiamo per vivere tre giorni di festa che interesserà una grandissima parte del nostro centro storico. Come accade in queste occasioni, ci saranno modifiche importanti al traffico e alla sosta: chiediamo pazienza ai nostri concittadini, certi però che potranno godere di uno spettacolo straordinario”, è l'appello del comandante della PM Aldo Poponcini.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno