Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:AREZZO16°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità sabato 09 aprile 2016 ore 10:01

Banca Etruria, costituzione di parte civile

Processo, 130 chiedono di costituirsi parte civile, Confconsumatori: “Possibile azione penale contro la Nuova Banca”



AREZZO — Prosegue la costituzione di parte civile degli associati alla Confconsumatori. Sono 130 le richieste presentate complessivamente per quanto concerne il procedimento giudiziario aperto davanti al gup del tribunale di Arezzo sul primo filone d’inchiesta relativo all’omessa vigilanza che vede imputati l’ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari, l’ex direttore generale Luca Bronchi e il dirigente Davide Canestri. La(la relativa udienza è in programma il 13 aprile prossimo). Si tratta di obbligazionisti subordinati e azionisti che chiedono, complessivamente, un ristoro di circa 3,5 milioni di euro. Secondo quanto ricostruito da Confconsumatori, “quasi tutti i danneggiati , almeno 100 su 130, hanno acquistato i loro titoli, sia subordinate che azioni (visto l’aumento di capitale sociale contestato dalla Procura della Repubblica nel capo di imputazione) nel corso dell’anno 2013 confidando che la Banca, con quelle emissioni, avrebbe sanato la propria posizione patrimoniale”. L’associazione inoltre “non esclude nel corso del procedimento penale, se i propri associati saranno ammessi, di coinvolgere (chiedendone la chiamata) la vecchia Banca in liquidazione coatta amministrativa che deve risarcire, eventualmente, i danni causati dalla condotta dei propri vertici in capo agli azionisti ed ai titolari di strumenti patrimoniali.”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno