Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:22 METEO:AREZZO11°13°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 29 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La protesta degli NCC: strappano il contratto e insultano Salvini. «Con questo ti ci pulisci il...»

Cultura giovedì 25 agosto 2016 ore 15:00

Celebrazioni per la Giornata degli Etruschi

Dal 28 agosto al 4 settembre iniziative a tema: laboratorio didattico, percorso trekking e una conferenza



AREZZO — "Etrusco.logic@.Celebrazioni etrusche nella lucumonia di Arezzo" è il titolo dell’iniziativa organizzata dal Comune di Arezzo, che si inserisce nel calendario delle Celebrazioni Etrusche, promosse dell’ufficio di Presidenza del Consiglio regionale per ricordare l’origine etrusca del territorio toscano, anche attraverso il sostegno a iniziative tematiche promosse dagli enti locali e da musei civici della Toscana.

Infatti, quest’anno, per la prima volta, il Consiglio regionale della Toscana celebra la Giornata degli Etruschi. Una ricorrenza in memoria del 27 agosto 1569, giorno in cui Pio V conferì a Cosimo I de’ Medici il titolo di ‘Magnus Dux Etruriae’, estendendone il dominio a quella che di fatto è l’attuale configurazione regionale.

L’iniziativa aretina è in programma dal 28 agosto al 4 settembre e vede la collaborazione di Pier Luigi Rossi primo rettore della Fraternita dei Laici, di Anna Di Bene e Silvia Vilucchi della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, di Stefano Casciu direttore del Polo Museale Regionale della Toscana e di Maria Gatto direttore del Museo Archeologico Nazionale di Arezzo.

Il sindaco Alessandro Ghinelli: “L'iniziativa riguarda l'enfatizzazione e la presa di coscienza della nostra origine etrusca. Sono stati organizzati tre appuntamenti per spiegare ai cittadini come Arezzo non sia solo incidentalmente una città etrusca, ma quanto sia profondo il legame con questa antica civiltà. E' un'iniziativa lodevole sia perché riaccende i fari sui pilastri etruschi della cultura aretina, sia perché ha una forte valenza didattica”.

Il primo rettore della Fraternita dei Laici Pier Luigi Rossi: “Vorremmo creare il primo passo verso un cammino nell'Arezzo etrusca. Questo percorso va aiutato perché gli aretini potrebbero non conoscere la parte etrusca della città. Questa è la prima pagina di un libro che dovremo continuare a scrivere anche in futuro. I luoghi vanno vissuti e recuperati, quest'ultimo è un obiettivo primario, per valorizzare la memoria storica di Arezzo”.

Maria Gatto: “Come Polo Museale abbiamo aderito volentieri a questa iniziativa. Con il Comune e la Fraternita condividiamo lo stesso obiettivo: rivalutare la storia etrusca ad Arezzo”.

Ecco gli appuntamenti in calendario:

A Castelsecco si svolgerà un laboratorio didattico a cura della sezione didattica della Fraternita dei Laici, il 28 agosto alle 9,30 (per prenotazioni chiamare il numero 3665605643).

La collina di Castelsecco, infatti, conserva eccezionali testimonianze archeologiche di epoca etrusca tra le quali spiccano il possente e scenografico muro semicircolare alto più di 10 metri decorato da 14 contrafforti e lo splendido teatro presso i templi: guidati da un’archeologa, i bambini scopriranno la storia di questo luogo straordinario e con la sapiente guida di un maestro vasaio avranno la possibilità di realizzare dei piccoli doni in ceramica, simili a quelli che venivano donati alla dea Uni lì venerata.

E’ in programma anche un percorso trekking “Sentieri dell’archeologia” il 3 e 4 settembre: due visite guidate con partenza alle 9,45 dal Museo Archeologico di via Margaritone, per un massimo di 30 partecipanti ogni uscita. Prenotazione obbligatoria all’indirizzo mail teatro@comune.arezzo.it. Per informazioni: 0575/377505 – 7504 - 7503. Le visite, della durata di circa tre ore, si svolgeranno presso il Museo Archeologico, nel sottosagrato di San Francesco, in piazza Vasari, nell’area archeologica di piazza San Niccolò, nella Chiesa di San Bartolomeo, nella chiesa di San Lorenzo che è il luogo di ritrovamento della Minerva, nel teatro di viale Bruno Buozzi presso la Fortezza Medicea e nel palazzo di Fraternita.

Il terzo appuntamento è una conferenza, sabato 3 settembre alle 17, presso il palazzo di Fraternita a cura di Maria Gatto dal titolo: “La Chimera di Arezzo. Dal ritrovamento del grande bronzo alla riscoperta di un mito”.

Tutti gli appuntamenti sono gratuiti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno