Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:40 METEO:AREZZO10°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Zingaretti: «Ho scoperto di avere un neo che era un tumore maliglio. Mi sono salvato grazie alla prevenzione»

Attualità lunedì 15 novembre 2021 ore 18:50

Certificati anagrafici con un click e senza spese

Ulteriore novità per il Comune di Arezzo che porta ad un risparmio economico e di tempo per i cittadini. Come usufruirne



AREZZO — Per il Comune di Arezzo arriva un'importante svolta in materia di semplificazione e digitalizzazione che si traduce per i cittadini in un risparmio economico e di tempo: sarà infatti possibile scaricare online tutta una serie di certificati anagrafici, con pochi click, da casa. E si risparmiano 16 euro. Basterà accedere a https://www.anpr.interno.it/ con il proprio Spid, o le proprie la Carta d’identità elettronica o Carta nazionale dei servizi.

“Si va dall’anagrafico di nascita a quello di matrimonio – sottolinea l’assessore all’innovazione Monica Manneschi – dal certificato di residenza allo stato di famiglia, comprese unioni civili e contratti di convivenza. Ciascun cittadino può farlo per se stesso o per un familiare e senza bisogno di recarsi allo sportello unico. Stiamo facendo importanti passi avanti verso un Comune digitale. Non possiamo pensare, anche a seguito di ciò che è successo nell’ultimo anno e mezzo, che il rapporto tra cittadino e uffici sia comunque ‘frontale’ e che implichi uno spostamento fisico del primo. Dobbiamo rovesciare questa prospettiva, per ampliare canali di dialogo e accessi facilitati”.

Il rilascio dei certificati anagrafici direttamente allo Sportello Unico continua, infatti, a essere soggetto all’imposta di bollo, pari ai citati 16 euro, e ai diritti di segreteria. E chi ancora non è dotato di Spid, Cie o Cns?Qualunque autocertificazione può essere presentata sia agli uffici pubblici che a soggetti privati, come banche e assicurazioni, tenuti ad accettarla. Questi ultimi potranno verificare la correttezza di quanto riportato nel documento chiedendolo al Comune stesso tramite un modulo apposito scaricabile da https://comunearezzo.elixforms.it/rwe2/module_preview.jsp?MODULE_TAG=SPOL_VERAUT

“In questi mesi – conclude Manneschi – abbiamo compiuto un salto di qualità 3.0: è un lavoro silenzioso, costruito passo dopo passo dal personale dei sistemi informatici del Comune e del servizio comunicazione, che sta dando ottima prova e risultati incoraggianti. I cittadini apprezzano e soprattutto utilizzano le possibilità che stiamo loro offrendo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno