Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO19°38°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip
Pecco Bagnaia sposa Domizia, le nozze a Pesaro con tanti amici vip

Attualità domenica 01 marzo 2020 ore 13:06

"Conte un predestinato, Sarri ha buoni amici"

Piero Mancini, ex presidente dell'Arezzo

Piero Mancini ricorda quando i due allenatori, che oggi si contendono il campionato di Serie A, sedevano sulla panchina amaranto e furono esonerati



AREZZO — In una lunga intervista rilasciata a "il Giornale" Piero Mancini parla dei due tecnici che si sono seduti sulla panchina amaranto ai tempi della sua lunga presidenza e che lui ha entrambi esonerato.

Il vulcanico ex patron del "Cavallino" ricorda la tenacia e l'intransigenza di Conte, che fu costretto a mandar via perché lo spogliatoio era tutto contro di lui. "I giocatori - dichiara Mancini a 'il Giornale' - erano in rivolta contro i suoi metodi di lavoro, l’ossessione continua, mai una parola di conforto. Conte - aggiunge Mancini - non ti fa i complimenti nemmeno quando vinci, è tutto dovuto, anzi ripeteva che non si esce dal campo da vincenti ma si deve entrare in campo da vincenti. Esaspera qualunque dettaglio".

Su Sarri invece l'ex patron amaranto è più "freddo" e nell'intervista rilasciata traspare come lo abbia "amato" meno del tecnico salentino, che continuava a rimanergli in testa. Fu proprio Sarri, infatti, a subentrare ad Antonio Conte alla guida degli amaranto nella stagione 2006-07, che si concluse con la retrocessione dell'Arezzo in C, condizionata anche dai 6 punti di penalizzazione.

"Mai visto, in vita mia, uno più superstizioso di lui - afferma Mancini. Sarri spargeva il sale nello spogliatoio e in campo, indossava la maglietta nera ed anche i pantaloni e le mutande dovevano essere di quel colore".

Sui traguardi che i due allenatori hanno raggiunto, dal quel lontano 2006-07, Piero Mancini  non ha dubbi che Conte potesse ottenere ottimi risultati da allenatore, mentre Sarri  "credo abbia avuto buoni amici che gli abbiano permesso di arrivare a questi livelli".

A tal proposito, la lunga intervista pubblicata ieri su "il Giornale" si conclude con una massima di Mancini " Siamo tutti intelligenti, chi più, chi meno ma se non hai gli amici giusti non arrivi dove vuoi arrivare".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno