Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:AREZZO10°25°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Benigni a Papa Francesco: «Andiamo insieme alle prossime elezioni, facciamo il campo largo. Vinciamo subito»

Attualità mercoledì 06 marzo 2024 ore 14:54

Glaucoma, la prevenzione è l’arma più efficace

​Settimana del Glaucoma, la prevenzione è l’arma più efficace Possibilità di visite gratuite: ecco i requisiti per accedere



AREZZO — Dal 10 al 16 marzo si celebra la Settimana Mondiale del Glaucoma, malattia che colpisce circa il 2% della popolazione e che, se non diagnosticata e trattata in tempo, può portare alla cecità. Asl Toscana Sud Est aderisce all'iniziativa mettendo a disposizione delle persone interessate la possibilità, in tutte le tre provincie, di sottoporsi a visita. Le prenotazioni nella Settimana del Glaucoma saranno attive da venerdì 8 marzo dalle 8.00 in poi chiamando il call center al numero 0577 767676 (sia da numero fisso che da cellulare) che provvederà a fissare l’appuntamento per gli utenti di Arezzo, Siena e Grosseto.L’iniziativa si rivolge ai soggetti sopra i 40 anni di età che non sono in terapia e che non hanno fatto visite oculistiche negli ultimi 2 anni.

La Settimana Mondiale del Glaucoma è l’evento annuale di IAPB Italia Onlus in collaborazione con l'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti e ha lo scopo di richiamare l’attenzione sull’importanza del bene prezioso della vista e sulla necessità di tutelarlo e prendersene cura in ogni fase della vita.
La presentazione dell’iniziativa, stamani, nella Biblioteca dell’ospedale San Donato di Arezzo. Erano presenti il dr. Andrea Romani, direttore Area Dipartimentale di Oculistica Asl Toscana Sudest, la dr.ssa Anna Beltrano, direttrice Dipartimento CTS del Territorio, della fragilità e delle dipendenze Asl Toscana Sud Est, Franco Pagliucoli presidente Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Arezzo, Gianlorenzo Casini, presidente provinciale IAPB Arezzo.

«È con piacere che abbiamo accolto anche per il 2024 la richiesta di collaborare con Unione Italiana Ciechi e IAPB - dichiara Anna Beltrano direttrice Dipartimento CTS del Territorio, della fragilità e delle dipendenze Asl Toscana Sud Est - perchè, come Azienda Sanitaria, sappiamo bene quanto sia importante la prevenzione. In questo caso specifico fare prevenzione significa evitare di perdere la vista e conseguire il benessere delle persone: e una persona che sta bene farà meno accessi alla struttura sanitaria. Mettere a disposizione degli utenti della Asl Toscana Sud Est la possibilità di effettuare una visita oculistica è importante, nella convinzione di come questa possa cambiare in meglio la loro vita. Il mio invito alle persone che hanno familiarità con il glaucoma o hanno più di 40 anni, pertanto, è quello di approfittare di questa settimana per fare un controllo alla vista. Il mio suggerimento è, oltre a queste importantissime iniziative, quello di confrontarsi sempre con il proprio medico di medicina generale per cercare di arrivare in tempo alla diagnosi e poi alle eventuali cure».

«Le sinergie ormai consuete che caratterizzano i nostri interventi nel settore della prevenzione – dichiara Gianlorenzo Casini, presidente Provinciale IAPB di Arezzo - consentono di delineare un approccio di sensibilizzazione particolarmente sentito e variegato, in un territorio da sempre abituato a manifestazioni che promuovano la prevenzione. Le attività di divulgazione in quest'ottica, costituiscono uno dei motivi fondamentali di impegno e presenza collaborativa con la realtà della nostra Asl».
«Il glaucoma è conosciuto come il ladro silenzioso della vista – aggiunge Franco Pagliucoli, Presidente dell’U.I.C.I. di Arezzo - perché questa patologia insorge e progredisce senza che la persona avverta alcun disturbo e quando si accorge di avere il glaucoma, il danno al nervo ottico è ormai molto avanzato. Per questo risulta fondamentale una diagnosi precoce che si può avere solamente tramite visite oculistiche approfondite. Il nostro obiettivo è e rimane quello non solo di divulgare la cultura della prevenzione con opuscoli informativi, ma soprattutto quello di garantire alla cittadinanza la possibilità di accedere ad uno screening grazie alla grande collaborazione con Usl Toscana Sudest».


Ma cosa è il Glaucoma? «Con questo termine si indica una aumentata pressione oculare che determina un danno progressivo ed irreversibile al nervo ottico con perdita della funzione visiva – spiega il dr. Andrea Romani, direttore Area Dipartimentale di Oculistica Asl Toscana Sudest -. Purtroppo il glaucoma è asintomatico e quando il soggetto si accorge del calo visivo è troppo tardi. Da qui l’importanza della prevenzione per evitare danni irreparabili alla vista. È infatti solo con visite periodiche che è possibile scoprire e diagnosticare la malattia prevenendo nell’80% dei casi la cecità da glaucoma. Il nostro consiglio è di sottoporsi a visita oculistica a 30 anni, poi a 40 anni e, nei soggetti normali, ogni cinque anni fino ai 60 anni. Dai 60 in su saranno individuate le scadenze dei controlli in base alle caratteristiche del soggetto. Per coloro che hanno una familiarità per il glaucoma o un’età superiore ai 40 anni è necessario eseguire una visita oculistica».

Il glaucoma è una malattia multifattoriale, determinata sia da un aumento della pressione all’interno dell’occhio che da processi neurodegenerativi o vascolari.

«Per questo motivo – prosegue il dr. Romani - oltre ad una valutazione dell’occhio, effettuata da un medico oculista, è necessario eseguire una accurata visita generale sullo stato di salute del soggetto. In tutti gli ambulatori della Asl Toscana Sudest è possibile effettuare la misurazione della pressione oculare ed eseguire un esame oftalmoscopico del fondo oculare. In caso sospetto, presso i presidi ospedalieri, sarà possibile effettuare un approfondimento diagnostico strumentale con le più moderne apparecchiature esistenti in questo settore».
In tutti gli ambulatori oculistici Asl Tse della provincia di Arezzo, infatti, sono presenti le attrezzature necessarie per diagnosticare il glaucoma e vengono eseguiti anche gli esami necessari per il monitoraggio (campo visivo, pachimetria e OCT). Inoltre, quando la terapia farmacologica non è efficace, possono essere eseguiti interventi con laser, SLT (con il quale si cerca di pulire le vie di deflullo dei liquidi endooculari) e YAG (con il quale si crea una piccola valvola interna che migliora la circolazione interna dell'occhio). «Qualora queste metodiche non siano efficaci – aggiunge il dr. Andrea Romani - possono essere attuati interventi chirurgici tra i più innovativi per stabilizzare la pressione oculare, sia i perforanti, con i quali si crea una valvola per far defluire i liquidi endooculari che i non perforanti, con i quali si fanno defluire i liquidi mediante un assottigliamento della parete di deflusso. Possono essere impiantate anche valvole artificiali o stent, per ottimizzare la pressione oculare».
«Tuttavia – conclude il dr. Romani - la prevenzione ed il monitoraggio rimangono fondamentali per contrastare questa malattia che rimane silente fino a quando il danno è conclamato ed irreversibile ma che, se individuata precocemente, può essere curata efficacemente: consigliamo pertanto controlli periodici della pressione oculare presso strutture e professionisti qualificati».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno