Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:12 METEO:AREZZO7°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pompei, nei cunicoli dei tombaroli: «Una rete tutta da esplorare»

Attualità sabato 23 ottobre 2021 ore 12:00

Orafi e argentieri incrociano le braccia

I lavoratori del settore in sciopero martedì 26 ottobre. Presidio in via Roma davanti a Confindustria. Motivo: il rinnovo del contratto



AREZZO — Proclamato uno sciopero di quattro ore: le ultime del turno. E presidio di fronte alla sede di Confindustria in via Roma: inizio alle 14,30. I lavoratori del settore orafo argentiero dell’industria incrociano le braccia, martedì 26 ottobre, per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro. La decisione è stata presa dalle federazioni di categoria Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm Uil.

La trattativa stenta ad arrivare ad una conclusione. Il 4 ottobre le delegazioni di Federorafi e Fim, Fiom, Uilm si sono incontrate a Milano e gli imprenditori hanno avanzato una proposta di un incremento salariale al 5° livello di 77 euro (25 a giugno 2022, 25 a giugno 2023 e 27 a giugno 2024) con la scadenza contrattuale fissata a giugno 2024.

I sindacati hanno valutato questa proposta “fortemente insufficiente” ed hanno indicato 5 motivi a sostegno di questo giudizio: “ 1) se è vero che il settore orafo ha sofferto la crisi conseguente la pandemia, le prospettive (e gli esiti della fiera di Vicenza) sono buone e ci sarà bisogno di ricominciare a produrre; 2) insieme alle imprese, hanno subito la crisi anche e soprattutto i lavoratori e le lavoratrici, i cui redditi sono stati falcidiati dal ricorso alla cassa integrazione ed è quindi necessaria una dignitosa risposta salariale; 3) il CCNL orafo è l’unico contratto del settore industriale che Fim, Fiom e Uilm non hanno ancora rinnovato; 4) le retribuzioni contrattuali dei lavoratori orafi sono inoltre più basse sia di quelle del settore tessile che di quelle del settore metalmeccanico, non è un caso che le aziende spesso non trovano le professionalità per rispondere alle richieste del mercato; 5) infine, la proposta con “solo” 3 delle 4 tranche di aumento dei metalmeccanici (e, guarda caso, tralasciano la più consistente) e la scadenza a giugno 2024, contemporaneamente al contratto dei metalmeccanici, rischia di generare ulteriori ritardi e un ampliamento del divario tra le retribuzioni contrattuali degli orafi e dei metalmeccanici”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Eleonora Bruschi, insieme al suo staff, ha realizzato un dispositivo che protegge ogni tipo di abitazione dalle scosse sismiche. Presto una start-up
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Sport