Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:AREZZO12°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
lunedì 27 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Motoscafo si infila nel porto di Monte Carlo a tutta velocità, manca due passanti per un soffio

Attualità mercoledì 25 gennaio 2017 ore 15:00

La Giornata della Memoria in due spettacoli

Uberto Kovacevich

Si terranno al teatro Pietro Aretino e al teatro Mecenate e sono aperti sia alle scuole che ai cittadini. Va in scena anche la pittura



AREZZO — Nell’ambito di Mappamondi, la rassegna di teatro per la scuola promossa dalla Rete Teatrale Aretina in collaborazione con il Comune di Arezzo, sarà celebrata la Giornata della Memoria con due spettacoli in programma ai teatri Pietro Aretino e Mecenate. 

Venerdì 27 gennaio presso il Teatro Pietro Aretino si terranno due repliche alle 9 e alle 11,15 dello spettacolo “E ho paura dei miei sogni” dal libro di Wanda Pòltawska. L’evento, realizzato dalla Libera Accademia del Teatro, affianca sul palco attrici professioniste quali la stessa regista Amina Kovacevich e Silvia Martini, che veste i panni di una terribile nazista e alcuni tra i migliori allievi dei corsi avanzati della scuola. 

La storia sarà accompagnata e rafforzata dalle immagini realizzate in diretta dalla pittrice Laura Serafini. Questa unione tra teatro e disegno, resa ancor più suggestiva dalle musiche di Alessandra Cartocci e dalle animazioni mimiche di Uberto Kovacevich, permetterà allo spettacolo di regalare una serie di emozioni contrapposte legate a una delle pagine più drammatiche del Novecento. 

Secondo appuntamento venerdì 3 febbraio alle 11 presso il Teatro Mecenate con Officine della Cultura. In scena con lo spettacolo “Wiegenlied ninnananna per l’ultima notte a Terezín”, con la Pavel Žalud, orchestra diretta da Enrico Fink. La Pavel Žalud Orchestra nasce da un’idea dello scrittore ed ebraista Matteo Corradini e suona tredici strumenti originali, appartenuti a musicisti internati a Terezín e riportati alla vita in un concerto-reading che ha debuttato al teatro Comunale di Piacenza in occasione della Giornata della Memoria 2016. Lo spettacolo è incentrato sulle musiche composte negli anni del ghetto da Ilse Weber e sul racconto dell’esperienza unica di Terezín. Si alternano, concatenandosi e fondendosi, letture e musiche attraverso le quali ci si potrà interrogare sul senso della verità e su come la si possa cercare anche quando tutto intorno crolla. 

L’orchestra è formata da 15 musicisti, alcuni dei quali provenienti dall’esperienza dell'Orchestra Multietnica di ArezzoGli spettacoli sono entrambi adatti a studenti della scuola secondaria di primo e di secondo grado oltre che, ovviamente, per tutto il pubblico adulto.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno