Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:AREZZO18°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«È la mia ragazza», il coming out di Lucilla Boari

Attualità giovedì 22 luglio 2021 ore 13:45

Arrivano 6,4 milioni per ridisegnare la città

Il Comune ha ottenuto i finanziamenti relativi al Bando Pinqua. Interventi a Tortaia e all'ex Cadorna che da parcheggio diventerà luogo di incontro



AREZZO — Riqualificazione urbana, Arezzo ha ottenuto le risorse. Sì, perché il progetto presentato dall'Amministrazione cittadina è tra quelli finanziati dal bando Pinqua, il Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare.

"Al termine dello scorso anno abbiamo potuto fruire di tempi molto contenuti per partecipare al bando interministeriale ma il nostro sforzo è stato premiato perché si è concretizzato in una progettualità seria, adeguata, credibile, realizzabile. Ci ha spronato il desiderio di raggiungere gli obiettivi prefissati e l’attenzione che riserviamo al centro come alla periferia, secondo un disegno organico che ha come punto di riferimento la qualità dei luoghi dove quotidianamente si svolge la vita dei nostri concittadini”.
Con queste parole il sindaco Alessandro Ghinelli annuncia con soddisfazione, accompagnato dalla Giunta, il risultato ottenuto dal Comune di Arezzo.

Così ad Arezzo arriveranno 6,4 milioni di euro. Parte di queste risorse verranno destinate alla manutenzione e ristrutturazione delle Case popolari del quartiere Tortaia e ad una completa rivisitazione dello spazio urbano adiacente.  

"La zona costituisce uno degli assi principali del patrimonio di edilizia residenziale pubblica ma, a differenza di altri quartieri, vi insiste un complesso immobiliare completamente di proprietà comunale mentre altrove, edifici similari lo sono soltanto in parte. Dunque, Tortaia ci consente di intervenire su un immobile al 100 per 100 pubblico" - afferma l'assessore Monica Manneschi.

Nel dettaglio si parla di 58 alloggi complessivi. "Faremo tutto quello che necessita, dall’illuminazione al miglioramento energetico, dalle opere strutturali al collegamento con le altre aree verdi e pedonali della zona” - ha chiarito il presidente di Arezzo Casa Lorenzo Roggi.

L'intervento più consistente riguarderà una rivisitazione degli spazi del centro cittadino. L'ex caserma Cadorna, infatti, si appresta a passare da parcheggio a luogo di incontro. Una piazza pedonale con un volto nuovo, moderno, posta come fulcro di una strategia urbanistica ben definita. Il tutto garantendo sempre un numero congruo di posti auto.
Tra i progetti per questa area c'è anche quello della demolizione di un vecchio stabile e la successiva realizzazione della nuova palazzina destinata al nuovo Centro per l'Impiego.
L’assessore Francesca Lucherini sottolinea come “anche in questo caso la parola d’ordine è riqualificare.  Lo spazio urbano tornerà a essere motore di socialità".

Nel dettaglio - come spiega l'assessore Casi - “I lavori alla ex Cadorna coinvolgeranno la palazzina ‘comando’, a sinistra rispetto all’ingresso del parcheggio da via Porta Buia. Le opere sono concepite per garantire ‘permeabilità’ pedonale tra piazza Amintore Fanfani e piazza della Misericordia e manterranno il profilo architettonico esistente. Il nuovo edificio sarà su tre piani per una superficie utile di 1.450 metri quadrati. Anche l’area verde adiacente verrà sistemata”.

Insomma, Arezzo ottiene le risorse per farsi un bel lifting.

Ghinelli sul Programma Innovativo Nazionale per la QUalità dell'Abitare
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente intorno alle 7. Sul posto i sanitari del 118 ma non c'è stato nulla da fare. La vittima non ancora identificata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità