Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°26°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Politica mercoledì 10 novembre 2021 ore 09:17

Pnrr e conversione ecologica, le idee del Pd

Donato Caporali, capogruppo in Comune del Pd

Il maggior partito d'opposizione lancia la proposta di investimenti nell'area delle ex cave e critica le scelte "conservative" dell'Amministrazione



AREZZO — I soldi del Pnrr dovrebbero servire a rilanciare la città realizzando opere capaci di una concreta valenza ecologica ed in grado di creare nuove opportunità per gli aretini. 

Così il Pd critica la scelta dell'Amministrazione cittadina di voler utilizzare questi "fondi straordinari", sempre che arrivino, per completare i lavori programmati da tempo.

"L'idea sembra quindi quella di dare sostanza a vecchi progetti. Opere di piccolo cabotaggio, che non produrranno lavoro o opportunità di sviluppo per la nostra città - afferma Donato Caporali del Pd. Dal Baldaccio alla stazione si propone poco più di un restyling degli spazi esistenti condito di nuova edificazione. Nonostante gli innumerevoli bandi perduti, l'Amministrazione Ghinelli, persevera quindi nell'errore di pretendere, da enti sovraordinati, che un bando o un piano finanzino opere che con esso non hanno alcun legame. Il Pnrr dovrebbe servire non tanto per rifare qualche piazza, strada o palazzo, ma per garantire alla città uno sviluppo futuro basato su investimenti nel digitale, infrastrutture sul sociale, sulla sanità, sull’ambiente e sulla green economy, in sostanza per finanziare una visione strategica di ripresa e resilienza di cui l'attuale amministrazione è sprovvista.

Alle porte di Arezzo c’è un area di 120 ettari, su cui negli anni si son fatte roboanti proposte, di cui rimane solo l’eco essendo purtroppo finita nel dimenticatoio; che attende da 50 anni una riconversione ambientale ed ecologica. Stiamo parlando dell’ex-triangolo della Cave.

Sarebbero necessari progetti innovativi interdisciplinari per intercettare i fondi del Pnrr, per creare lavoro e produrre energia pulita (su questo, un importante ruolo di partnership industriale, potrebbe essere svolto da Estra) restituendo l’ex-triangolo delle cave alla fruibilità di tutti gli aretini. In altre parti d'Italia, anche in provincia di Arezzo, ad aree di questo tipo è stata restituita nuova vita con partnership pubblico-private e fondi europei. Sono state realizzate opere, di cui Arezzo è sprovvista e che proprio nell’ex triangolo delle cave potrebbero trovare collocazione, quali glamping, parchi fotovoltaici, teatri all'aperto, impianti per discipline sportive ecologicamente compatibili come il golf (attrazione turistica di interesse internazionale) e il cross country/ciclocross, aree per lo svago e il tempo libero.

Purtroppo è facile prevedere che Ghinelli farà perdere ad Arezzo anche questa occasione per la conversione ecologica e sostenibile dell'ex triangolo delle cave perché la sua amministrazione continua a lasciare Arezzo in balia delle onde" - conclude Donato Caporali capogruppo in Comune del Pd.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno