Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:20 METEO:AREZZO7°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Pompei, nei cunicoli dei tombaroli: «Una rete tutta da esplorare»

Attualità venerdì 22 ottobre 2021 ore 11:00

Sfalci e potature, nuova normativa e caos

Grotti, Confartigianato Imprese Verdi

Grotti, presidente provinciale Confartigianato imprese del verde: "Le nostre aziende penalizzate da nuovi e onerosi adempimenti"



AREZZO — Gli sfalci e potature provenienti dal verde pubblico sono esclusi da essere considerati rifiuti. Questo è quanto ha deciso il legislatore. Nel 2021 sono operative le nuove regole.  Punto di partenza per lo smaltimento: la corretta identificazione della natura del rifiuto stesso. Sono considerati urbani (e quindi da trasportare verso i centri di raccolta comunali) se prodotti da verde pubblico dei comuni o attività fai da te (Codice EER 200201). Sono invece considerati Rifiuti speciali non pericolosi (da avviare a recupero o smaltimento) se prodotti da un’attività di impresa al servizio di un privato.

Un cambiamento non di poco conto – commenta il presidente provinciale di Confartigianato Imprese del Verde Fabio Grotti – che ci fa piombare in una situazione difficilmente sostenibile. In molte aree del Paese non ci sono adeguate strutture per il conferimento del materiale, con la conseguenza che gli imprenditori che operano secondo le regole dovranno necessariamente e a malincuore far lievitare i costi per il cliente finale”.

“Come categoria – conclude il Presidente – ci chiediamo inoltre quale sia la ratio per cui un lo stesso materiale vegetale, se prodotto da un’impresa artigiana nell’ambito della sua attività presso privati, debba essere classificato come rifiuto speciale non pericoloso, contrariamente da quanto avviene invece nelle corrette pratiche agricole dove è considerato sottoprodotto con un suo valore di mercato se ceduto ad altre imprese agricole o avviato a recupero energetico come biomassa”.

Come devono adeguarsi gli artigiani per attenersi alle nuove norme per lo smaltimento dei rifiuti verdi?

Le imprese con più di 10 dipendenti devono mantenere un registro vidimato dalla Camera del commercio, con la relativa annotazione del carico e scarico dei rifiuti (sono esentate la microimprese al di sotto dei 10 dipendenti); Essere iscritte all’ Albo Gestori Ambientali per effettuare il trasporto dei suddetti verso impianti di raccolta e\o smaltimento; Allegare al trasporto dei rifiuti il Formulario di identificazione del rifiuto o in alternativa il documento di trasporto (DDT) nel caso delle piccole attività di manutenzione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Eleonora Bruschi, insieme al suo staff, ha realizzato un dispositivo che protegge ogni tipo di abitazione dalle scosse sismiche. Presto una start-up
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità