Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:AREZZO10°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 18 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità sabato 19 novembre 2022 ore 14:00

Antichissimo castello aretino torna alla luce

Nel corso del consolidamento e della valorizzazione della Torre di Belfiore si è svelata la struttura del maniero, menzionato la prima volta nel 1161



CAPOLONA — Importante scoperta nel basso Casentino. Le indagini di archeologia preventiva, condotte in occasione dei lavori di consolidamento e valorizzazione della Torre di Belfiore a Capolona, hanno consentito di mettere in luce parte dell'omonimo castello finora conosciuto solo attraverso documenti d'archivio, del quale erano visibili allo stato di rudere una torre, un paramento murario e una torretta angolare.

Il castello sarebbe stato menzionato per la prima volta in un diploma di Federico I del 25 giugno 1161, che lo assegna all’abbazia di San Gennaro a Capolona, ed è esplicitamente citato nel 1385, quando, dopo che era stato ceduto al Firenze il 26 marzo, la Repubblica fiorentina vi invia i suoi ispettori che lo descrivono come "un castello con una torre".

L'indagine, effettuata a più riprese dall’ottobre 2021 all’agosto 2022, ha svelato un monumentale circuito murario esterno con torrette ai quattro angoli e una articolata serie di vani interni dei quali si conservano, in alzato, le strutture in pietra con soglie e stipiti delle relative aperture. Sono state individuate anche strutture preesistenti, la natura e datazione delle quali sono ancora da definire. In questa prima fase lo scavo è stato finalizzato alla definizione dell'estensione e della planimetria delle strutture, ma Comune e Soprintendenza auspicano di poter riprendere le indagini al più presto, con un progetto di ricerca e di restauro condiviso, in modo da rendere il sito aperto e visitabile al pubblico.

L'intervento appena concluso, finanziato sia con fondi del GAL Consorzio Appennino Aretino che con fondi propri dell’Amministrazione Comunale, è stato progettato e diretto dall’architetto Antonio Bennati. La sorveglianza e lo scavo archeologico sono stati condotti dalla Cooperativa Laboratori Archeologici San Gallo di Firenze, nelle persone del dottor Riccardo Bargiacchi e del dottor Dimitri Pizzuto, con la direzione scientifica della dottoressa Ada Salvi della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo.

I risultati di questi importanti lavori lavori verranno presentati con una conferenza aperta alla cittadinanza, venerdì 25 novembre alle 16,30 nella sala consiliare del Comune di Capolona. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno