Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:15 METEO:AREZZO19°33°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 20 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cina-Filippine, il video degli scontri tra imbarcazioni nelle acque contese
Cina-Filippine, il video degli scontri tra imbarcazioni nelle acque contese

Cultura mercoledì 08 luglio 2020 ore 15:54

Tre “eroine” guidano le Notti dell'Archeologia

In Casentino al via una serie di eventi alla scoperta di riti e leggende sulla vita di donne che hanno lasciato un segno, nelle corti e nei monasteri



POPPI — Donne protagoniste, donne delle corti casentinesi che hanno lasciato un segno nella storia della vallata aretina. Sono loro le “Muse” degli eventi organizzati dall'Ecomuseo del Casentino per il percorso archeologico in notturna.

Una serie di appuntamenti in luoghi suggestivi ripercorreranno la vita, i miti e le leggende intorno ad alcune figure di spicco delle corti casentinesi. Insieme a guide, studiosi e attori ad arricchire l'offerta culturale casentinese. Si comincia domani sera (alle 21,15) a Subbiano,con “L'anello rivelatore. Simbolismi e consuetudini dalla tomba della donna di Salbellaccio”.

L’iniziativa, curata dal Gruppo Archeologico Giano, accompagna lo spettatore alla scoperta di una tomba, datata alla prima età imperiale, recuperata nel corso di un saggio di scavo eseguiito nel 1996, in località Salbellaccio. I reperti del corredo funebre, tra i quali spiccano un pregevole specchio in bronzo e un particolare anello d’argento, insieme ai resti ossei consentono di ricostruire alcuni aspetti della sua vita ma anche riti e consuetudini delle antiche genti che vivevano lungo le pendici di Montegiovi.

Seconda tappa il 10 luglio (alle 21,15) presso le Logge del Grano a Strada in Casentino, Castel San Niccolò. Protagoniste le donne della famiglia Guidi. La serata propone una rilettura storico-antropologica del Casentino e un focus sul ruolo della donna nel Medioevo.

Infine, il 19 luglio in località Campamoli, a Pratovecchio-Stia, riflettori puntati sulla Badessa Sofia. Un viaggio nel tempo in un luogo suggestivo alla scoperta del monastero fortificato della Badessa Sofia dei conti Guidi. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno