Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:23 METEO:AREZZO13°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il fiore cadavere di 8 anni sboccia per la prima volta: il timelapse del raro evento

Cronaca mercoledì 08 aprile 2015 ore 12:23

E' sempre più mistero intorno alle ossa ritrovate

I primi accertamenti dei Ris, sui resti umani trovati il 4 aprile nel cimitero di San Gianni sono stati negativi per l'ottenimento del Dna umano



AREZZO — Gli investigatori del Ris hanno cercato di estrarre il Dna dai frammenti di tessuto molle, ma non è stato possibile, a causa della degradazione della matrice biologica determinata da fattori ambientali.

L'attività di estrazione del Dna proseguirà ora con l'esame dei tessuti ossei, la cui complessità comporterà tempi d'attesa più lunghi.

Insomma è sempre più giallo intorno alle ossa recuperate e alla loro attribuzione. Il caso è quello di Guerrina Piscaglia, la donna scomparsa quasi un ano fa dalla frazione di Ca Raffaello nel comune di Badia Tedalda. Oltre ai particolari già emersi ovvero ossa lunghe, parte di un cranio con dentatura, frammenti di cartilagine e segni di annerimento da fuoco, sarebbero emersi, senza conferma da parte del pm Marco Dioni che conduce le indagini e parla di ipotesi azzardate, nuovi particolari come la presenza nell'arcata dentale del cranio recuperato di un ponte in oro tra il 15/o e il 17/o dente che Guerrina, secondo le informazioni dei parenti, non avrebbe avuto. Di sicuro le ossa sono state portate nel cimitero in un secondo momento e stando ad indiscrezioni, potrebbero appartenere ad una donna, di altezza ed età corrispondente a quella di Guerrina, morta in circostanze tutte da chiarire come dimostrerebbero i segni di annerimento e la spezzatura delle ossa anche se si tratta di ipotesi senza alcuna conferma da parte della procura. Il pm Dioni ha anche smentito l'intervento di una sensitiva attribuendo il blitz al cimitero ad un'iniziativa dei carabinieri del posto. Intanto padre Gratien Alabi, il sacerdote congolese indagato per la scomparsa della donna, ha trascorso la Pasqua in un ambiente religioso capace di tutelare la sua privacy.

Solo le analisi dei Ris potranno dare una risposta definitiva se le ossa appartengono o meno a Guerrina, ma per avere i risultati bisognerà attendere circa venti giorni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno