Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:00 METEO:AREZZO18°35°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video dell'attentato a Donald Trump durante un comizio in Pennsylvania: gli spari e le grida di terrore
Il video dell'attentato a Donald Trump durante un comizio in Pennsylvania: gli spari e le grida di terrore

Attualità giovedì 24 luglio 2014 ore 11:07

​Da Coldiretti la lettera rivolta ai sindaci del territorio

Si richiede la rapida adozione delle delibere necessarie per la piena attuazione del provvedimento riguardante la gestione dei rifiuti agricoli



AREZZO — Da Coldiretti Arezzo la lettera rivolta a tutti i sindaci del territorio per sollecitare la rapida adozione delle delibere necessarie per la piena attuazione del provvedimento riguardante la gestione dei rifiuti agricoli. 

La novità, molto attesa dagli agricoltori e fortemente sollecitata da Coldiretti, fa parte del pacchetto di misure del Ministero dell’Agricoltura, detto ‘Campo libero’

Il presidente Tulio Marcelli scrive ai sindaci: “Riconosciuta finalmente la netta differenza tra le attività di gestione dei rifiuti e le normali pratiche agricole di gestione sul luogo di produzione di piccoli quantitativi di scarti vegetali. Una semplificazione utilissima e attesa da tempo anche dagli agricoltori aretini, ma anche il riconoscimento pieno del ruolo e della specificità del lavoro nei campi: la combustione controllata in loco del materiale agricolo e forestale derivante da sfalci, potature o ripuliture è ora consentita dalla legge. Non si applicheranno più le sanzioni legate alla gestione dei rifiuti quando si brucia in campo materiale agricolo e forestale. 

“Fino ad oggi – spiega ancora Marcelli – le norme vietavano questa pratica, che invece è fondamentale sia in campo agricolo, sia ambientale”. 

Ora, come prevedono le nuove disposizioni, “appare urgente e decisivo – insiste Marcelli – che i Comuni elaborino rapidamente le ordinanze necessarie ad applicare a livello locale le corrette modalità di gestione di questa attività come prevede la nuova legge: per questo, come Coldiretti Arezzo, abbiamo inviato a tutti i sindaci della provincia aretina una lettera che riassume brevemente il dettato della legge e che invita i Comuni ad approvare prima possibile l’opportuna delibera”. 

La legge dice che la combustione è infatti consentita in piccoli cumuli, in quantità giornaliere non superiore a tre metri steri per ettaro nelle aree, ma i periodi e gli orari devono essere individuati con apposita ordinanza del Sindaco competente per territorio. 

Fino ad ora le aziende agricole che avessero praticato questo tipo di combustione rischiavano pesanti multe, rendendo ancora più difficile il mantenimento delle coltivazioni. “Ora, invece – conclude Marcelli – sarà possibile lavorare con minori restrizioni in terreni ad alto livello qualitativo e di grande valore ambientale come i magnifici uliveti e vigneti del territorio aretino”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno