Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:AREZZO17°31°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il ponte della vergogna: flop della logistica americana
Gaza, il ponte della vergogna: flop della logistica americana

Attualità venerdì 08 settembre 2023 ore 12:25

"Delirium room, Arezzo fa scuola"

L’Ospedale di Arezzo modello di gestione per pazienti anziani affetti da delirium e/o demenza con disturbi comportamentali. Visita della ASL1 Liguria



AREZZO — Inaugurata nel 2018, realizzata in memoria di Giancarlo Felici personaggio fortemente legato alla Giostra del Saracino, la Delirium Room dell’Ospedale San Donato di Arezzo del reparto di Geriatria è un modello ormai accreditato in tutta Italia.

In questi giorni una delegazione composta da sette professionisti della ASL 1 Liguria di Imperia (con vari responsabili delle professioni sanitarie, assistenti sociali, terapista, geometra e infermieri) ha fatto visita alla struttura del San Donato per studiarne il modello e trasferirlo nella propria zona.

Le “Delirium Room” consentono di accogliere il paziente insieme al proprio caregiver, il quale può collaborare in maniera continuativa con il personale di assistenza ed essere al tempo stesso beneficiario di un programma di educazione e counselling.

La delirium room del reparto di Geriatra diretta dal dott. Luciano Gorelli del San Donato nasce con lo scopo di intercettare nei setting assistenziali ospedalieri e territoriali i pazienti che vanno incontro a delirium al fine di controllare i disturbi comportamentali con il solo approccio multisensoriale riducendo così l’uso di farmaci antipsicotici.

In Italia sono attive solo due delirium room, e quella di Arezzo è l’unica ad avvalersi della figura del Neuropsicologo.

“E’ con grande soddisfazione e spirito di collaborazione che abbiamo accolto i colleghi liguri, ha dichiarato Simona Dei Direttore Sanitario della ASL Toscana sud est presente all’incontro. Siamo convinti che in sanità pubblica il confronto e lo scambio di esperienze sia fondamentale per il miglioramento dei servizi e delle cure. Questo progetto della delirium room è solo la parte finale di un percorso che, come azienda, stiamo percorrendo da tanto tempo e che cerca di mettere assieme tutte le professionalità e le competenze importanti per la cura dei pazienti anziani. Il nostro obiettivo è garantire ai pazienti, quanto più possibile, un ambiente familiare pur all’interno di un setting ospedaliero, nel momento in cui ne hanno necessità. Questo dà la possibilità ai pazienti, ma soprattutto alle famiglie, di comprendere al meglio la strategia terapeutica comportamentale da attuare anche quando torneranno a casa”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno