Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:AREZZO15°27°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 22 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il matrimonio Diletta Leotta, i video del white party della vigilia
Il matrimonio Diletta Leotta, i video del white party della vigilia

Attualità lunedì 10 novembre 2014 ore 16:56

Ancora nessuna soluzione per i dipendenti Despar

Restano 8 mesi di cassa integrazione ai circa 400 dipendenti della Despar, per trovare una soluzione dopo la chiusura di negozi e magazzini



AREZZO — 200 operai sono della Cadla e 200 della DueGi, per loro la cassa integrazione è partita 4 mesi fa ma, al momento, nulla si è ancora mosso. 

Nella mattinata di oggi, lunedì 10 novembre, il pro sindaco Stefano Gasperini ha convocato un incontro per mantenere vivo il tavolo aperto nei mesi scorsi e provare a immaginare, e quindi concretizzare, le soluzioni per i lavoratori. Insieme ai rappresentanti dei dipendenti e ai sindacati si sono ritrovati parlamentari, consiglieri regionali, provinciali e comunali, il presidente della Camera di Commercio. Secondo quanto riportato dai sindacalisti per i negozi sarebbero in corso trattative di cessione con 2 o 3 gruppi ma non si conosce lo stato del confronto. Fase di stallo, invece, per i magazzini Cadla. I sindacati continuano a chiedere chiarezza sulla genesi della crisi del gruppo: in pochi mesi si è passati dagli straordinari ai contratti di solidarietà e infine alla cessazione dell'attività. Gasperini ha garantito l'impegno del Comune a coordinare la rete di solidarietà attorno ai dipendenti Cadla - DueGui mantenendo e sollecitando i rapporti con la Regione e il Governo per arrivare ad una soluzione entro il termine massimo della scadenza della cassa integrazione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno