Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:55 METEO:AREZZO15°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 19 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cosa ha detto Bonelli su Salis prima di ufficializzare la candidatura

Attualità venerdì 05 settembre 2014 ore 17:51

Luciano Ralli: “riaprire il dialogo con la Rsu"

Il presidente del Consiglio comunale interviene sul possibile sciopero nel giorno della Giostra. Presto audizione della Conferenza dei capigruppo



AREZZO — “Penso che, come sempre accade, la ragione non stia da una sola parte e sono assolutamente certo che il muro contro muro non serva né all’Amministrazione né ai dipendenti. E tanto meno alla città: lo sciopero nel giorno della Giostra del Saracino e della Fiera dell’antiquariato è ovviamente finalizzato ad ottenere la massima risonanza ma sono convinto che sia giunto il momento, con un atto di buona volontà da parte dei tutti, di riaprire la trattativa”.

Luciano Ralli, Presidente del Consiglio comunale, precisa che i ruoli istituzionali sono quelli della Giunta e della Delegazione trattante ma “intendo comunque dare un contributo alla riattivazione del dialogo, cominciando con un’audizione da parte della Conferenza dei capigruppo”. Affrontando tre temi centrali. “La questione economica è ovviamente delicata, in considerazione delle condizioni finanziarie dell’ente e del clima che si è creato nel Paese nei confronti dei dipendenti pubblici. Ma una giusta e doverosa attenzione va comunque riservata a quei dipendenti che hanno redditi più bassi e che sono colpiti dall’abbinamento tra crisi economica e blocco della contrattazione”.

Ralli sottolinea poi due elementi che sono fondamentali per la vita dell’ente, per la sua capacità di dare risposte ai cittadini e per mantenere al Comune una funzione strategica nella definizione del futuro della città. “Il primo elemento è la valorizzazione delle risorse umane, argomento che merita sempre attenzione ma ancora di più in una fase che vede diminuire gli addetti e aumentare i carichi di lavoro. Legato a questo c’è il terzo elemento e cioè il rischio della perdita del senso di appartenenza. La disaffezione è in grado di creare rischi soprattutto in ambito strategici dell’Amministrazione come, ad esempio, nella Polizia Municipale”.

“Su queste basi – conclude il Presidente Luciano Ralli – non credo che esista soluzione alternativa alla riapertura del confronto e la Presidenza del Consiglio, unitamente alla Conferenza dei capogruppo, farà quanto possibile per rendere concreta questa soluzione”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno