Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:AREZZO14°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Dietro la «stanchezza» di Biden al G7

Attualità martedì 19 aprile 2016 ore 09:42

Oltre 100 dipendenti senza stipendio

In quattro residenze sanitarie assistite la Coop Agorà non paga i dipendenti dal dicembre 2015. I sindacati: “A breve lo stato di agitazione”



AREZZO — Le residenze sanitarie assistite in questione sono Villa Mimosa, Podere Modello, Santa Rita e Maestrini. La denuncia arriva da Claudio Cullurà e da Claudia Betti, rispettivamente responsabile territoriale e responsabile sanità privata del Nursind, sindacato autonomo degli infermieri.

“I dipendenti di quattro strutture sanitarie tra Arezzo e la Valdichiana non ricevono la busta paga da dicembre dell’anno scorso: a breve saremo costretti a dichiarare lo stato di agitazione – attacca Cullurà – e sta mettendo seriamente in difficoltà oltre un centinaio di lavoratori, tra infermieri e operatori sanitari, tra cui alcune coppie sposate in cui marito e moglie lavorano entrambi per la stessa coop”.

Le quattro strutture sanitarie coinvolte sono di proprietà della Asl, il che rende la situazione ai limiti del paradossale. “La cooperativa continua a incassare  soldi pubblici per la gestione - sottolinea Betti - ma i dipendenti non vedono un centesimo”.

Nessuna rassicurazione sul futuro, spiega Cullurà: “La Coop Agorà prende tempo dicendo che a fine aprile presenterà i bilanci e in base a quelli le banche faranno credito. Ma non siamo disposti ad aspettare oltre, la pazienza dei lavori è giunta al termine: a breve daremo avvio all’iter dello stato di agitazione. Auspichiamo l’interessamento delle Istituzioni pubbliche”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno