Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:59 METEO:AREZZO18°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 23 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trump prende in giro Kamala Harris: «La chiamo 'Laughing Kamala', è pazza»
Trump prende in giro Kamala Harris: «La chiamo 'Laughing Kamala', è pazza»

Attualità martedì 07 giugno 2022 ore 10:00

Nuova cartella clinica, salute mentale apripista

Il dipartimento della Asl sud est è la prima struttura regionale ad usufruire dello strumento territoriale. Già numeri importanti



SIENA- AREZZO — Il Dipartimento di Salute mentale dell’Asl Toscana sud est è la prima struttura regionale a usufruire della nuova cartella clinica territoriale su tutta la propria rete. Con l’avvio dello scorso 11 aprile nella zona di Arezzo, si chiude il percorso di attivazione iniziato a fine gennaio di questo anno su Grosseto e che ha visto il secondo step il 14 febbraio con l’implementazione sulla provincia di Siena.

Il risultato è stato ottenuto grazie al contributo collaborativo e proattivo dei professionisti del Dipartimento di Salute mentale e degli specialisti di Estar.

La nuova cartella clinica permette la facilitazione di tutti quei processi necessari per la gestione e l’erogazione di servizi sempre più complessi. Quello del Dipartimento di Salute mentale è solo il primo passo del progetto di Regione Toscana WP3 Aster Cloud, che si pone come obiettivo la creazione di un unico strumento per la gestione dei dati del paziente, così da facilitare l’assistenza integrata. Il nuovo software è utile soprattutto per gli operatori sanitari che si occupano di malati cronici, anziani e disabili.

Al 30 maggio, le operazioni fatte con la nuova cartella clinica territoriale sono già molte: 52.295 accessi, 88.940 prestazioni, 1.299 nuovi percorsi, 1.090 nuove diagnosi.

“La cosa importante è che abbiamo una procedura unica, prima la gestione dei dati era differente tra le tre province, - dichiara la direttrice del Dipartimento di salute mentale dell’Asl Toscana sud est Giuliana Galli. - Il processo di formazione degli operatori ha registrato un’adesione massiccia. Tutti si sono rivelati interessati e curiosi. Alcuni non hanno nascosto la propria preoccupazione per il cambiamento, ma è normale. Le aspettative sono tante, nel tempo e sul campo verificheremo la portata della novità”.

Una miglioria che dimostra come le nuove tecnologie possono migliorare i servizi e semplificare il lavoro agli operatori in modo da offrire cure sempre più puntuali.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno