Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:30 METEO:AREZZO12°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine è così violenta che rompe il parabrezza dell’auto

Attualità mercoledì 03 febbraio 2016 ore 10:41

Etruria, prime richieste di rinvio a giudizio

La procura sarebbe pronta a portare davanti al gup tre persone con l'accusa di ostacolo alla vigilanza. Tra loro non ci sarebbe l'ex presidente Rosi



AREZZO — Si tratta solo del primo filone d'inchiesta, quello aperto dal procuratore aretino Roberto Rossi alla fine del 2013 e che si poggia sulla relazione degli ispettori della Banca d'Italia che, al termine dell'ispezione effettuata nell'istituto di via Calamandrei, avevano rilevato criticità nel bilancio 2012. 

Un filone d'indagine che, secondo fonti vicine agli investigatori riprese dall'Ansa, avrebbe portato il procuratore a rinviare davanti al giudice per l'udienza preliminare l'ex presidente della Bpel, Giuseppe Fornasari, l'ex ad Luca Bronchi e il dirigente Davide Canestri. Per tutti e tre l'accusa sarebbe quella di ostacolo alla vigilanza.

Rossi, secondo l'Ansa, avrebbe notificato l'atto di chiusura delle indagini, oltre ai tre già citati, anche all'ex presidente e all'ex ad della società Methorios, F.P. ed E.M. E non a Lorenzo Rosi, l'ultimo ex presidente di Banca Etruria, uscito così da questo filone d'inchiesta.

L'udienza davanti al gup è fissata per il 10 marzo prossimo.

Parallelamente si starebbe concludendo un secondo filone che riguarda invece le false fatturazioni, relative, secondo l'accusa, a operazioni inesistenti. Un filone che vede indagati, oltre allo stesso Fornasari, anche Lorenzo Rosi e l'ex amministratore delegato Bronchi.

Nel 2015, il terzo filone, in cui sono indagati Lorenzo Rosi e l'ex consigliere Luciano Nataloni. Questa volta l'accusa è quella di conflitto d'interessi per aver autorizzato finanziamenti da parte della banca a 14 società tra cui  alcune riconducibili agli stessi indagati.

A tutto questo si aggiunge un quarto filone, che è quello che riguarda gli esposti presentati dalle associazioni dei consumatori e dagli ex obbligazionisti dell'istituto che hanno perso tutto dopo il decreto del governo.

E, infine, il tribunale civile di Arezzo lunedì discuterà il ricorso per insolvenza presentato dal commissario liquidatore di Banca Etruria, Giuseppe Santoni.

Se dovesse arrivare il via libera anche queste carte arriverebbero sul tavolo del procuratore Rossi che aprirebbe così un quinto filone di indagine puntando i riflettori sull'ultimo consiglio d'amministrazione. E dunque sul presidente Rosi e sui consiglieri, compreso il padre del ministro delle Riforma, Maria Elena Boschi, Luigi. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno