Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:AREZZO19°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa
La cucina, gli hangar, la sala designer: il “tetris” della base di Luna Rossa

Cronaca domenica 25 giugno 2023 ore 11:50

Truffa e fuga sull'A1, beccati coi gioielli in auto

la polizia coi gioielli recuperati

Avevano raggirato una donna Lucca portandole via tutto. La denuncia ha messo la Polstrada sulle tracce dei malfattori individuati su un'utilitaria



AREZZO — La truffa a un'anziana vedova a Lucca, poi la fuga sull'A1 coi gioielli in saccoccia a bordo di un'utilitaria. Nel mezzo, però, c'era stata la segnalazione da parte della vittima del raggiro giunta al centro operativo di Firenze e l'attivazione della polizia stradale di Battifolle. Sono stati proprio gli agenti a individuare i malfattori a poche ore dalla truffa.

Ma procediamo con ordine. La signora lucchese era stata contattata con il purtroppo solito stratagemma della minaccia che i figli sarebbero andati in galera se non avesse pagato una persona che di lì a poco si sarebbe recata presso la sua abitazione per ritirare i soldi e preziosi che aveva in casa.

La donna presa in contropiede, spaventata, ha obbedito. È stato il figlio, tornato a casa poco dopo, a capire cosa fosse successo dando l’allarme alla polizia. Immaginando che i malfattori fossero scappati utilizzando l’autostrada A1, i poliziotti si sono messi sulle loro tracce.

Circa 2 ore dopo il colpo, una pattuglia ha intercettato una Fiat 500X con a bordo 2 persone. Il conducente, anziché fermarsi all’alt, accelerava mentre il passeggero faceva furtivamente cadere dal finestrino un pacchetto. I poliziotti prima hanno fermato l’auto stringendola al guardrail e poi hanno recuperato il pacchetto che all’interno conteneva 65 monili in oro giallo e bianco, prevalentemente orecchini e spille di alto artigianato.

Due 20enni italiani incensurati a bordo dell'auto sono stati denunciati per ricettazione. La vettura è stata sequestrata e l’intera refurtiva restituita alla vittima, che non ha saputo trovare le parole per ringraziare la polizia. I giovani hanno dovuto chiamare il taxi per tornarsene a casa pive nel sacco in attesa del processo che sarà celebrato nei loro confronti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno