Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:56 METEO:AREZZO13°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Attualità mercoledì 04 dicembre 2019 ore 18:05

Treni ad Alta Velocità più lenti in Toscana

I tempi di percorrenza per i convogli ad alta velocità aumenteranno a causa dei lavori di manutenzione previsti nei prossimi mesi lungo la linea



ROMA — I treni ad Alta Velocità che attraverseranno la Toscana nel 2020 avranno tempi di percorrenza più lunghi, ad annunciare i nuovi orari è stato l'AD di Rfi Maurizio Gentile durante l'audizione in Commissione Trasporti della Camera. Gentile ha spiegato che i rallentamenti non saranno classificabili come ritardi perché saranno inseriti nei nuovi orari.

"La rete ha bisogno di manutenzione dopo 10 anni di servizio" è quanto ha spiegato l'AD. Nel 2020 i treni interessati dai rallentamenti saranno i treni fast sulla linea Roma - Milano, la linea Roma - Venezia, Roma - Verona che vedrà una nuova fermata a Santa Maria Novella.

Intanto l'assessore ai trasporti della Regione Toscana, Vincenzo Ceccarelli, commentando la nuova introduzione da parte di Rfi, su richiesta dei gestori Trenitalia e Italo, di ulteriori treni Av sulla Direttissima a scapito della regolarità dei treni pendolari toscani ha detto "Vediamo vanificato ad ogni cambio di orario, con nuovi incrementi dei treni Av, lo sforzo della Regione per dare ai pendolari toscani un trasporto pubblico su ferro sempre più qualificato".

Ceccarelli ha inviato una nuova lettera di protesta ad ART, l'Autorità di regolazione dei trasporti, chiedendo un incontro urgente "Recentemente la Toscana ha sottoscritto con Trenitalia un nuovo contratto di servizio che contiene investimenti per più di un miliardo di euro, che consentiranno di completare il rinnovamento del nostro parco treni, ma se le autorità competenti e i gestori non stanno dalla parte dei pendolari e non creano le condizioni per poter far viaggiare senza impedimenti questi treni, il nostro sforzo risulterà vano". "Ad ogni cambio di orario nonostante io abbia ripetutamente segnalato a tutti gli organi competenti questo problema, da Roma si decide, senza alcun confronto, di continuare a privilegiare i servizi a mercato, senza tenere conto dei disagi degli utenti e delle analisi fatte dai nostri uffici, dalle quali emerge un quadro preoccupante, con numerose modifiche agli orari dei treni regionali dovute alla riorganizzazione dei servizi AV e, soprattutto, all'inserimento di nuovi ulteriori treni veloci. Ad oggi siamo già di fronte ad una vera e propria saturazione della linea. Mi riferisco in particolare alla dorsale appenninica, anche se purtroppo il problema comincia a presentarsi anche sulla linea tirrenica, dove negli ultimi anni è stato inserito un servizio veloce che accontenta una piccola parte di utenza ma che comporta modifiche all'orario dei treni regionali con conseguenti disagi per chi si sposta quotidianamente per lavoro e per studio". Ceccarelli ha concluso il suo intervento sul caso dello spostamento in blocco a Firenze Santa Maria Novella delle fermate dei treni Av che fino ad oggi si attestavano su Campo di Marte "una scelta non concordata che genererà non poche difficoltà all'utenza e che a nostro avviso deve essere rivista, come abbiamo già avuto modo di scrivere a Rfi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno