Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:20 METEO:AREZZO11°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
venerdì 01 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La fuga e l’inseguimento a tutta velocità finisce contro una recinzione: il video dall’Australia

Cronaca mercoledì 11 agosto 2021 ore 12:00

Scoperta cocaina per colpa di una cena non pagata

Giovani si rifiutano di saldare il conto al ristorante: arrivano i Carabinieri e durante le perquisizioni saltano fuori diverse dosi di droga



MONTEVARCHI — Il conto è stato ben più salato di quello che non hanno voluto saldare al ristorante. Ieri sera tre giovani si sono rifiutati di pagare la cena che avevano consumato in un locale di Montevarchi, il titolare del locale ha chiamato i Carabinieri che hanno scoperto che uno degli avventori aveva cocaina già pronta per la vendita.

La serata è finita male per due dei tre uomini (uno è riuscito a scappare prima che i militari arrivassero sul posto) che volevano cenare in compagnia. Durante la perquisizione effettuata dei militari di San Giovanni i giovani stranieri sono stati trovati privi di documenti: uno dei due - un pregiudicato di venti anni – aveva indosso un pugnale a lama fissa, di cui il porto è vietato e circa 7 grammi di cocaina, in parte già suddivisa in dosi confezionate e termosaldate.

A quel punto, di fronte al palese quadro indiziario, è scattato l’arresto in flagranza del 20enne, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Lo stupefacente è stato sequestrato, e verrà sottoposto alle previste analisi chimiche, dalle quali sarà possibile determinare l’esatta qualità e il numero di dosi che avrebbero potute essere illegalmente commercializzate.

Oltre allo stupefacente, i Carabinieri hanno altresì sottoposto a sequestro il pugnale trovato in possesso dell’arrestato, che è stato deferito alla Procura della Repubblica anche per porto illecito di arma da taglio, mancato possesso dei documenti di identità e insolvenza fraudolenta. Queste ultime due contestazioni sono state mosse anche all’altro soggetto identificato, a carico del quale sono state ravvisate le medesime responsabilità.

Le immagini delle telecamere di videosorveglianza e le dichiarazioni dei testimoni sono al vaglio degli investigatori per cercare di identificare il terzo uomo che si è dato alla fuga.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno