Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:26 METEO:AREZZO10°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 25 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Joe Biden: «Donald Trump è un dittatore, vuole vendetta»

Attualità venerdì 31 luglio 2020 ore 16:03

Prende forma la nuova strada regionale valdarnese

L'assessore regionale Ceccarelli con il sindaco Benucci

Oggi l’assessore regionale Ceccarelli ha effettuato un sopralluogo sul cantiere allestito per realizzare il terzo lotto. Già pronto il primo tratto



REGGELLO — Prende forma la nuova strada regionale 69 nel tratto del Valdarno fiorentino, che una volta completata si congiungerà a Renacci con il tratto aretino già completato da qualche anno. La nuova arteria, definita come “variante in riva destra” della ex strada statale, è già in fase avanzata di cantierizzazione nel tratto che ricalca grosso modo l’attuale strada comunale di Pian di Rona che corre nel fondovalle di Reggello. Addirittura il primo lotto (meno di un chilometro e mezzo, costo 4 milioni), ovvero il tratto che va dalla nuova rotonda dei Ciliegi fino all’inizio di Prulli, è già ultimato ed è stato idealmente inaugurato stamani con il sopralluogo dall’assessore regionale Ceccarelli, il quale era accompagnato nella sua visita dai sindaci Benucci (Reggello) e Cacioli (Castelfranco Piandiscò) e dal vicesindaco di Figline Incisa, Buoncompagni.

Il secondo lotto della nuova strada, che attraversa Prulli (fino al borro del Chiesimone) comporterà lavori per circa 2 milioni, che saranno eseguito dalla società Autostrade nell’ambito degli accordi per la realizzazione della terza corzia.

Giò avviato, invece, il cantiere per la realizzazione del terzo lotto (dal borro del Chiesimone fino alle porte di Matassino) che comporterà un costo di circa 6 milioni. Il 4 lotto (attraversamento di Matassino) e il quinto lotto (da Matassino alla ricongiunzione con il tratto aretino, a Renacci) comporteranno lavori complessivi per circa 18 milioni. Per mettere mani a questi interventi è già stata avviata la cosiddetta “conferenza dei servizi” tra le varie amministrazioni interessate alla realizzazione dell’opera.

“Nonostante alcuni ritardi dovuti al Covid, il cronoprogramma procede – ha commentato l’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli - Va verso il completamento un’infrastruttura che rappresenta una risposta importante che la Regione, in collaborazione con gli enti territoriali, dà alla vallata in termini di miglioramento della mobilità, a vantaggio sia delle persone che delle imprese”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno