Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:AREZZO14°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 27 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Todde: «Orgogliosa e felice, rotto tetto di cristallo. Io prima donna Presidente della Sardegna»

Attualità giovedì 17 giugno 2021 ore 15:00

“Driver”, la maxi operazione iniziata da Faella

I carabinieri di San Giovanni Valdarno

I carabinieri di San Giovanni Valdarno hanno individuato un gruppo criminale che era dedito ai furti di autovetture di lusso in tutto il centro Italia



SAN GIOVANNI VALDARNO — Nuovi sviluppi dell’operazione Driver, che ha permesso al nucleo operativo e radiomobile dei Carabinieri di San Giovanni Valdarno di disarticolare un gruppo criminale dedito ai furti di autovetture di lusso in tutto il centro Italia. Tutto era iniziato nella primissima serata del 4 Dicembre 2020, in Provincia di Arezzo, e per la precisione a Faella, piccola frazione del comune collinare di Castelfranco Piandiscò. Quel giorno, muovendosi col favore dell’oscurità, un gruppo di malfattori si era introdotto presso lo stabilimento di una pelletteria locale, gestito da un imprenditore originario di Figline Valdarno. Una volta dentro, noncuranti della presenza di alcuni dipendenti e del circuito di videosorveglianza, con spregiudicatezza i malviventi erano riusciti a trafugare un veicolo Land Rover Range Rover Sport (del valore di circa 70.000 Euro), a bordo del quale erano fuggiti a grande velocità, diretti verso le colline del Chianti.

Nel volgere di pochi mesi, gli investigatori fecero luce su un gruppo organizzato di professionisti, muniti di apparecchiature sofisticate, appositamente programmate per inibire i segnali radio e gps: i cosiddetti “jammer”, strumenti utilizzati per impedire a telefoni cellulari o a comandi a distanza di ricevere o trasmettere onde radio, o anche per la clonazione dei codici delle centraline elettroniche.

La svolta nelle indagini è arrivata con l’individuazione dell’autovettura utilizzata dai malfattori per recarsi sul luogo del delitto, e per allontanarsene una volta trafugata l’autovettura presa di mira. Da lì sono nati i successivi accertamenti che hanno indotto il Gip di Arezzo ad emettere due provvedimenti di obbligo di dimora nel comune di residenza nei confronti di due dei principali indagati, residenti nel basso Lazio.

L’attenzione dei Carabineiri, però, non è venuta meno, e nei mesi seguenti sono state documentate diverse violazioni delle misure cautelari imposte, in particolare da parte di un indagato, il quale sostanzialmente non aveva mai sospeso la propria condotta criminale, proseguendo a delinquere proprio in Toscana.

Così pochi giorni fa, l’uomo è stato controllato dai Carabinieri nei pressi di Siena, a bordo di un carroattrezzi, sul cui carrello era stato posizionato proprio un veicolo Land Rover Range Rover, risultato rubato poche ore prima da un concessionario di Empoli. Nell’occasione, l’uomo è stato deferito in stato di libertà per ricettazione, e, al contempo, è stata vagliata dal Gip di Arezzo la posizione sotto il profilo cautelare. Di fronte all’ennesima violazione delle prescrizioni imposte, e alla gravità delle medesime – sostanziatesi nella reiterazione del reato – non vi è stato che emettere un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’uomo, tratto in arresto in queste ultimissime ore dal Nucleo Operativo e Radiomobile di San Giovanni Valdarno con la collaborazione dei colleghi di Ardea (Roma), è stato ristretto presso il carcere di Arezzo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno