Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:AREZZO11°23°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Massimo Bernardini lascia 'Tv Talk', il saluto e l'addio commosso: «Devo andare, mia moglie mi aspetta»

Attualità giovedì 09 aprile 2020 ore 19:43

Graziano e Patrizia, la coppia uccisa dal virus

Graziano Gioli e Patrizia Bernacchioni
Graziano Gioli e Patrizia Bernacchioni

Erano benvoluti da tutti: lei maestra, lui dirigente sportivo. Impegnati nel sociale. Nel giro di pochi giorni è finito tutto per colpa del coronavirus



SAN GIOVANNI VALDARNO — Erano considerati una coppia “inossidabile”, sempre insieme nelle attività sociali. Anche se, formalmente, la famiglia Gioli abitava a Porcellino, nel comune di Figline e Incisa, di fatto la loro attività e le loro amicizie si erano sviluppate oltre il confine provinciale. Lei, la maestra Patrizia, insegnava a Montevarchi ed era molto attiva nel mondo del volontariato. Stimatissima e conosciutissima soprattutto a San Giovanni, dove suo marito Graziano si era guadagnato l’affetto di tanti sportivi e di quanti lo avevano conosciuto e gli volevano bene, soprattutto per il suo modo di fare, alla mano, spiritoso, disponibile. Ex dipendente Enel era stato prima segretario e poi lungimirante presidente della Marzocco sangiovannese, vera fucina di giovani calciatori. Da lui era arrivata anche la spinta per lo sviluppo del calcio femminile.

Insomma, una coppia perfetta, quella formata da Patrizia Bernacchioni e da Graziano Gioli, una serenità condivisa con i figli Gianluca e Chiara. Poi tutto è finito nell’arco di 17 giorni. La maestra Patrizia se n’è andata, per colpa del coronavirus, il 23 marzo. Ora Graziano l’ha seguita. Il suo cuore ha cessato di battere all'ospedale di Prato, dove era stato ricoverato per il Covid-19. Sulle pagine social se susseguono i messaggi, struggenti, degli amici: “Ora starete sempre insieme”, “Graziano, ora hai raggiunto la tua Patrizia”. Ma perlopiù vince lo sconforto. Tutta San Giovanni è come stordita. Il nemico invisibile, che si porta via i pezzi di un’identità sociale, lascia senza fiato e senza parole. Il 31 marzo l’epidemia aveva strappato un’altra bandiera dal cuore dei sangiovannesi: l’ex presidente Ivo Giorgi. Quasi un presagio funesto che i lutti non sarebbero finiti.

Qui sotto il messaggio di cordoglio diffuso sui social dall'amministrazione comunale di San Giovanni Valdarno


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno