Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:AREZZO20°34°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 23 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Attualità giovedì 16 luglio 2020 ore 10:12

​Vernice rossa sulla statua di Benigni

Atto vandalico a Manciano, piccola frazione dove l'attore-regista è nato Sconcerto tra i castiglionesi Indaga la Polizia municipale



CASTIGLION FIORENTINO — Vernice rossa sulla statua di Roberto Benigni. E' accaduto a Manciano, piccola frazione del comune di Castiglion Fiorentino dove l'attore e regista, vincitore dell'Oscar con il film “La Vita è bella” è nato e ha vissuto la sua infanzia insieme ai genitori Isolina e Luigi. 

La vernice rossa è stata gettata alla base del monumento realizzato dallo scultore castiglionese Andrea Roggi. Un'opera in bronzo istallata nel 1999, all'interno di un'area verde denominata “Parco della creatività”, lungo la strada provinciale della Misericordia.

Sono stati gli abitanti della frazione a notare la vernice rossa sul monumento e una signora ha segnalato il caso postando la foto sul profilo Facebook Sei di Castiglion Fiorentino

Tantissimi i commenti di indignazione e condanna dell'atto vandalico sul quale gli agenti della Polizia municipale hanno già avviato accertamenti per risalire alle responsabilità di un gesto che richiama quelli già accaduti anche in Italia ai danni di monumenti dedicati a personaggi celebri, come nel caso di Indro Montanelli. Dopo i rilievi di legge, gli operai della Manutenzione del Comune ripuliranno il monumento.

La notizia ha fatto il giro della città in men che non si dica e il caso è destinato a travalicare i confini di Castiglion Fiorentino, per la notorietà dell'attore che ha vissuto a Manciano i primi anni della sua vita per poi seguire i genitori che decisero di trasferirsi a Prato alla ricerca di un lavoro stabile (come fecero moltissimi castiglionesi negli anni Cinquanta) .

Benigni è nato in questa piccola frazione il 27 ottobre 1952 ma non ha mai mantenuto un rapporto stretto con il luogo che lo ha visto bambino. Tuttavia lo ricorda spesso nei suoi monologhi o nelle interviste dove si racconta, anche se il giorno della collocazione della statua che lo raffigura in una delle sue pose più caratteristiche non partecipò all'evento, al contrario dei genitori che si commossero per l'affetto dei castiglionesi. 

Lucia Bigozzi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno