QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
AREZZO
Oggi 12° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 29 aprile 2017

PAROLE IN VIAGGIO — il Blog di Tito Barbini

Tito Barbini

In primo piano per decenni, nella politica italiana, all’improvviso non ne senti parlare più. Chiedi e nessuno sa darti notizie. Poi scopri che ha fatto una cosa che molti vorrebbero fare, ma sognano soltanto: dare lo stop alla vita di sempre e partire. Tito Barbini, classe 1945, sindaco di Cortona a 24 anni, poi presidente della Provincia di Arezzo, infine per 15 anni assessore regionale prima all’Urbanistica e poi all’Agricoltura, amico personale di Francois Mitterand. Si mette dietro le spalle tutto questo e intraprende un viaggio lungo cento giorni, che lo porta dalla Patagonia all’Alaska. Cento giorni a piedi e in corriera, per bagaglio uno zaino. Da allora attraversa confini remoti e racconta i suoi viaggi e i suoi incontri nei libri. E’ ormai, a tempo pieno, scrittore di viaggi. Più di dieci libri, non solo geografia fisica, paesaggi e luoghi, ma geografia della mente. In Patagonia o nel Tibet, un mondo altro, fatto di dolori, speranze, delusioni. Nel 2016 è uscito il libro "Quell’idea che ci era sembrata così bella - Da Berlinguer a Renzi, il lungo viaggio"

L’ultimo treno della sinistra del PD

di Tito Barbini - giovedì 15 dicembre 2016 ore 14:22

Cuperlo, Rossi, Speranza

L’editore nel chiedermi di tenere questo blog avrà pensato che avrei scritto solo di viaggi. E’ vero, da oltre dieci anni, ho lasciato la politica e vado alla ricerca con i miei viaggi certo di geografia fisica ma anche di geografia della mente. E l’ultimo libro che ho scritto “Quell’idea che ci era sembrata cosi bella” porta infatti il seguente sottotitolo: Da Berlinguer a Renzi il lungo viaggio". Ed eccomi qui con questa riflessione dedicata alla sinistra del PD.

Cari Cuperlo, Speranza, Rossi e anche Emiliano candidati alla segreteria in alternativa a Renzi, vorrei farvi una semplice domanda:

Qualcuno di voi è disponibile a sacrificare qualcosa per unire la sinistra? La sinistra si presenta, ancor più dopo il referendum, dispersa, troppo divisa, non protagonista. Ognuno si muove per conto proprio. E badate bene questo è un dato che non riguarda semplicemente le sorti individuali di ognuno di voi, bensì la capacità del Pd di raccogliere forze e consensi per politiche riformiste, necessarie in Italia e in Europa. Allora voglio precisare meglio la mia domanda. Si andrà al congresso del PD ed è indispensabile tentare di unire le componenti di sinistra attorno a contenuti programmatici, in primo luogo al diritto ad un lavoro stabile, innanzi tutto per i giovani , un welfare che abbia nelle politiche sociali e nella sanità fondamenti universalistici. 

Volete presentarvi al congresso come alternativa seria e credibile al segretario Renzi? Non potete farlo annunciando ognuno la propria candidatura! È necessario un solo candidato della sinistra e che sia portatore di una concezione del partito che lo radichi nel territorio, costruisca reali sedi di discussione e decisione, valorizzi la militanza e realizzi ovunque il promesso albo degli elettori. Un partito moderno non può vivere come un insieme litigioso oppure unito in modo acritico attorno al leader del momento. Su questa strada alla lunga non si vince contro i populismi: perde qualsiasi leader se il partito esiste solo come un annuncio e dà il meglio di sé soltanto nei momenti delle primarie. 

Di fronte a questi compiti la sinistra nel Pd non può presentarsi al congresso tra pochi mesi con due o tre progetti e candidati alla carica di segretario. Sarebbe davvero una scelta imperdonabile nei confronti di chi ha fiducia e guarda a noi. Bisogna perciò dar prova di lungimiranza e responsabilità. Lo dico a Cuperlo a Speranza, Emiliano e al mio caro amico Enrico Rossi. Imboccate la strada del confronto, realizzate una proposta unitaria. È questo l’invito che rivolgo a tutti noi, ed anche a chi, deluso, si è ritirato dall’impegno nel Pd. Questo è il momento di un impegno comune, convinto, appassionato. Non deludeteci.

Tito Barbini

Articoli dal Blog “Parole in viaggio” di Tito Barbini

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità