Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:AREZZO15°27°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
sabato 22 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il matrimonio Diletta Leotta, i video del white party della vigilia
Il matrimonio Diletta Leotta, i video del white party della vigilia

Attualità martedì 21 marzo 2023 ore 08:00

Ad Arezzo la prima unione Misericordie - Fratres

Progetto pilota nazionale per il riavvicinamento tra le due realtà che in totale contano 62 gruppi sul territorio



AREZZO — La provincia di Arezzo sarà la protagonista di un progetto pilota nazionale per la “rigenerazione del legame fra le Misericordie e la Fratres (donatori di sangue)”.

La nostra realtà è stata prescelta per l’alto numero di Confraternite presenti (ben 36) e altrettanti gruppi della Fratres (26). Ma soprattutto per la spinta propulsiva che a questo progetto nazionale è arrivato proprio dalla Misericordie aretine e dalle sezioni Fratres, fra le quali il legame, nonostante la separazione determinata dalle normative, non è mai venuto a mancare.

L’incarico di sperimentare il riavvicinamento proprio al territorio aretino dalle rispettive dirigenze nazionali, responsabilizza fortemente sia i quadri delle sue organizzazioni che i quasi 50.000 cittadini (6.000 donatori Fratres ed oltre 40.000 soci delle Misericordie): è una esigenza che parte dal basso e che sarà resa concreta con i 10 passi operativi che sono stati individuati e definiti per ritrovare lo spirito originario che lega le due associazioni di matrice volontaristica cristiana.

Negli anni ’50 la confederazione delle Misericordie d’Italia (oggi presieduta da Domenico Giani) fece nascere i primi gruppi di donatori di sangue Fratres. Nel 1971 fu fondata la consociazione nazionale dei gruppi donatori Fratres delle Misericordie. Quindi una diretta emanazione. Nel 1989 per necessità legislative si rese necessaria una autonomia gestionale, con la rescissione formale di Fratres dalle Misericordie.

Progetto pilota decollato da pochi giorni

Nel salone della sede storia della Misericordia di Arezzo si è svolto il primo incontro operativo, alla presenza di esponenti di primo piano delle 36 Misericordie aretine e dei 26 gruppi Fratres presenti nel territorio. Presente una delegazione di Fratres nazionale, guidata dal Presidente nazionale Fratres Vincenzo Manzo. Delegato a rappresentare le Misericordia d’Italia dal presidente Giani, il Governatore della Misericordia di Arezzo Pier Luigi Rossi, già responsabile dell’Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute della CEI e curatore per conto delle Misericordie d’Italia del controllo sul processo di riunificazione con Fratres.

Bell’incontro sono state rievocate le ragioni storiche della suddivisione delle due sigle, motivazioni formali e mai sostanziali: una mancata o insufficiente comunicazione di questo aspetto ha poi lasciato che, in alcuni casi, questa memoria delle comuni radici si perdesse e nascesse l’equivoco che tale suddivisione fosse anche identitaria. Così non è, ed è stato ribadito dalle due organizzazioni, senza ovviamente nascondere una serie di problematiche che tale progetto comporta di superare.

Adottato il protocollo nazionale siglato da Misericordie e Fratres, che prevede la creazione di un gruppo di lavoro inter-associativo nazionale di livello “politico” e di uno operativo di livello tecnico che possa “inventariare” la reciproca situazione nel territorio, cioè capire in quali comuni sono presenti entrambe le associazioni, solo una delle due o nessuna; dallo stabilire un iter di incontri reciprocamente informativi al mettere a punto una comunicazione coordinata in cui i rispettivi emblemi e legami compaiano assieme; dalla redazione di un codice etico condiviso del Volontario all’inserimento nei moduli formativi di ciascuna associazione di sessioni riguardanti la storia, le attività e i servizi dell’altra e viceversa.

Di certo l’entusiasmo per questa “rigenerazione” è stato palpabile, con reciproci riconoscimenti. Nel giro di poche ore è stato formato il comitato che sta già redigendo quella mappatura fondamentale per disegnare il futuro della consociata Misericordia-Fratres. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno