Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:00 METEO:AREZZO10°18°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 22 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Usa, le immagini dalla bodycam dell'agente che ha sparato alla sedicenne Ma'Khia Bryant

Attualità martedì 10 marzo 2015 ore 08:00

Arezzo, a Sei Toscana la gestione della Tari

In Consiglio comunale approvati 2 regolamenti: il primo disciplina il servizio taxi ed il secondo riguarda la Fiera Antiquaria e le novità apportate



AREZZO — Il prosindaco Stefano Gasperini ha illustrato la pratica per l'affidamento a Sei Toscana, per l'anno 2015, della gestione della Tari, la tassa sui rifiuti: “fino allo scorso anno non parlavamo di un tributo ma di una tariffa, con tutto ciò che concerne la sua gestione. La stessa legge che ha introdotto il tributo, la 147 del 2013, lasciava interdetto il futuro, un quadro che non è cambiato. Chissà che non torni tariffa. Ecco perché ci troviamo a fare una scelta per l'affidamento di anno in anno. Una situazione che spero cambi presto. Il costo del servizio è anche diminuito, frutto di un'economia di scala, da non trascurare. Questo gestore sta creando le condizioni per vantaggi anche di questo genere”.

Critiche le opposizioni: “poteva essere l'occasione – ha sottolineato Luca Stella – per approfondire la questione. Anno scorso di questi tempi, fu deliberato l'affidamento per l'invio dei bollettini Tari a Sei Toscana dicendo che non c'erano i tempi necessari per fare una gara a evidenza pubblica. Oggi, a pochi giorni dalla scadenza, viene proposto il riaffidamento ancora a Sei Toscana. Nel frattempo, se il costo ieri era 500.000 euro, oggi è sceso a 480.000. Come è possibile, intanto, visto che il servizio ora comprende il recupero dell'evasione della precedente Tares e della Tari? Oggi mi si doveva rispondere evidenziando la convenienza del riaffidamento, invece tale pratica deve essere approvata per senso di responsabilità. Ogni anno mi giustificate un affidamento diretto facendo appello a questa motivazione senza che siate stati capaci di fare un ragionamento serio. Approverete la delibera ma posta in questi termini non vi fa onore, è l'ennesimo esempio di scarsa lungimiranza. Faccio infine notare che la proroga contrattuale, perché di questo si tratta, è un istituto eccezionale a cui dovrebbe essere fatto ricorso con cautela”.

Considerazioni che sul versante del Pdl sono state ribadite da Alessio Mattesini e Francesco Francini: “in più c'è una considerazione politica: voi siete il Pd aretino e ci raccontano che siete uno degli assi portanti del Pd nazionale, con ruoli in Regione e addirittura nel Governo. Dovevate chiamare i vostri rappresentanti nelle istituzioni e sollevare la questione di chiarezza richiamata da Gasperini, se questa Tari è una tassa, un'imposta, una tariffa e come vada gestita”.

Ancora le opposizioni: per Roberto Barone “ogni anno, si chiami tia, tia 2, tares, siamo dinanzi alle solite questioni capziose sulle banche dati, le mancanze di tempo e la salvaguardia dell'occupazione. E poi basta dire: sono responsabile e dunque voto a favore. Qui, chi vota contro pratiche del genere, non è un irresponsabili, anzi sarebbe l'ora che con un gesto vero di responsabilità si desse uno scossone a questa Giunta”. Per Roberto Rossi “Sei Toscana ha già vinto un affidamento sui rifiuti 'su misura', ora gli date pure la riscossione, complimenti”.

Le ragioni di Giunta e maggioranza sono state difese da Cinzia Scartoni: “in tempi dove occorre avere certezza dell'entrata bisogna lavorare per portare nelle casse dell'ente le necessarie entrate. I trasferimenti statali sono sempre meno. Le entrate che derivano da Sei Toscana o comunque da soggetti gestori stanno diventando fondamentali. Senza di queste le casse del Comune verrebbero private di cifre che servono a garantire i servizi alla persona, cito solo i socio-educativi, a me cari”.

La delibera è passata con 17 voti favorevoli, 2 astenuti e 8 contrari.

Il Consiglio Comunale ha approvato due regolamenti: il primo disciplina il servizio taxi e il noleggio di conducente con autovettura e prevede, come novità, autorizzazioni temporanee o stagionali non cedibili per fronteggiare eventi straordinari o di prevedibile incremento della domanda. In queste stesse circostanze saranno possibili turnazioni integrative, i cosiddetti sostituti alla guida e il servizio di taxi collettivo.

Il secondo è il regolamento sulla Fiera Antiquaria e come novità prevede che per partecipare alla Fiera i negozianti non sono più costretti a iscriversi al registro imprese sezione 'commercio area pubblica', con tutti gli adempimenti, anche fiscali, che ne conseguivano.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo annuncia la Asl. Domani e il 23 aprile la struttura all'interno del San Donato verrà igienizzata. Tutti gli addetti sono stati sottoposti a tampone
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca