Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:00 METEO:AREZZO18°35°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 14 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rissa in campo tra Hajduk e Fenerbahce: i tecnici Gattuso e Mourinho corrono in campo per sedare gli animi
Rissa in campo tra Hajduk e Fenerbahce: i tecnici Gattuso e Mourinho corrono in campo per sedare gli animi

Attualità martedì 08 febbraio 2022 ore 16:00

Addio al pittore Naccari, aretino d'adozione

L'artista, attivo negli anni '70. è stato uno degli esponenti più significativi del neorealismo figurativo. Era nato nel 1935



AREZZO — Ieri, 7 febbraio, se ne è andato Roberto Naccari, una delle espressioni più significative del neorealismo figurativo, attivo dalla fine degli anni Sessanta. Negli ultimi tempi, per motivi di età, aveva abbandonato il pennello e la tavolozza, ma non il suo punto di vista critico sulla realtà.

Roberto Naccari era nato nel 1935 a Porto Tolle, in provincia di Rovigo, ma ha vissuto gran parte della sua vita e del suo lavoro ad Arezzo.

L’artista ha esplorato gli uomini che partono, quelli che non riescono a partire e quelli, come ci ripropone ogni epoca, che cadono come un trapezista senza rete. Il noto collezionista ed esperto d’arte Guido Galimberti ha detto che la pittura di Naccari “è la faccia spigolosa e dolente di un esodo”.

Ha esposto con mostre personali e collettive d’arte in Italia e all’estero, conseguendo ovunque lusinghieri apprezzamenti di critica e di pubblico. Numerosi i premi ricevuti, fra i quali quello per il dipinto Esodo” del 1977 che ottenne il Premio Rassegna Primavera al Palais de l’U.N.E.S.C.O.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno