Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:59 METEO:AREZZO18°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 23 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane
Roma, il video dell'aggressione all'avvocato che chiedeva di mettere il guinzaglio al cane

Attualità mercoledì 24 febbraio 2021 ore 10:58

Adottato anni fa ritrova la famiglia con i social

La vicenda ha avuto un esito positivo grazie a don Massimo. E' stata rintracciata una cugina e adesso Andrea può ricostruire le sue origini



AREZZO — Questa vicenda affonda le radici nel passato ma ha dei risvolti decisamente contemporanei. Infatti, sono arrivati ad un esito positivo grazie ai social. Da qualche giorno circolava sulla pagina Facebook "Sei Casentinese se ...." un post nel quale Andrea Pratali, questo il nome del protagonista della storia, cercava i suoi genitori biologici ed eventuali sorelle o fratelli.

Lo stesso aveva scritto: "sono nato ad Arezzo martedì 24 ottobre 1961 alle 13,30 circa. Non so se in casa o in ospedale. Il mio nome e cognome alla nascita, prima dell'adozione era Andrea Pelini. All'età di 1 anno e mezzo sono stato affidato all'Orfanotrofio di Pratovecchio, gestito dalle Suore e ci sono rimasto fino all'età di 6 anni. Dopodiché, sono stato adottato dalla famiglia Pratali di Porcari (in provincia di Lucca). L'unico ricordo che ho di quegli anni in istituto è che, di tanto in tanto, venivano un uomo e una donna a farmi visita, dicendomi che erano gli zii, ma non ho certezza che effettivamente fossero miei parenti". 

E lo stesso Andrea aveva voluto sottolineare :"faccio questo appello con la pace nel cuore, senza alcun rancore nei confronti di nessuno. Nella mia vita ho avuto tanto affetto dai miei genitori adottivi, che purtroppo sono venuti a mancare e sono un uomo tranquillo e sereno. Arriva un momento nella vita che comunque senti il bisogno di conoscere le tue origini. Ringrazio chiunque mi possa e voglia aiutare a esaudire questo mio grande desiderio".

Una ricerca che ha immediatamente destato estrema attenzione. Finché, qualche ora fa, un casentinese ha scritto, sempre su Facebook, che la storia si è conclusa bene. Infatti, grazie a Don Massimo, della parrocchia di Pratovecchio, che si è subito attivato per spedire la documentazione che era nell'archivio delle suore. Così Andrea ha rintracciato una cugina e potrà finalmente risalire alle proprie radici familiari. 

Claudia Martini
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno