Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:05 METEO:AREZZO18°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità lunedì 03 maggio 2021 ore 07:00

Aldo, Roberto e Bruna: la Cisl premia la fedeltà

Un altro Primo Maggio senza manifestazioni nelle piazze. Ma il sindacato ha istituito il riconoscimento alla Militanza. Oggi la consegna delle targhe



AREZZO — Primo maggio 2021. Un'altra festa del lavoro senza manifestazioni pubbliche. Ma al vuoto delle piazze la Cisl di Arezzo con il Premio alla Militanza Sindacale, contrappone la voce dei ricordi degli iscritti, che hanno vissuto e testimoniato con partecipazione i valori del sindacato.

Oggi, alle 16,30 nella sala Pastore della sede provinciale in viale Michelangelo, saranno consegnate le targhe della Militanza Sindacale a Aldo Dini, Roberto Giusti e Bruna Mariottini.

Aldo Dini, classe 1927, incontra il sindacato subito dopo la guerra e si scrive alla Cisl. Non ancora maggiorenne è assunto alla Metallifera di Cavriglia. Tra la fine degli anni ‘50 e l’inizio dei ’60, quando Enel acquisisce la concessione mineraria di Santa Barbara, Dini delegato Cisl, segue il passaggio e s’impegna perché tutti i lavoratori abbiano lo stesso trattamento economico. Persona mite ed eclettica al pari del sindacato ha coltivato altre due grandi passioni: la musica e la pittura.

Risale agli anni ’70, invece, l’incontro di Roberto Giusti con il sindacato. Sono anni impegnativi per la Repubblica italiana. Sono gli anni del terrorismo, della lotta armata, dei sequestri. Sono anni di piombo. Roberto Giusti, il professore, incontra il sindacato alla metà di questo decennio. Entrato nella scuola, trova una situazione è complessa. Decide di fondare un sindacato autonomo per aiutare i colleghi che aspettano la stabilizzazione. L’incontro con la Cisl arriva poco dopo e non mancheranno le soddisfazioni anche con incarichi nazionali.

La storia di Bruna Mariottini nel sindacato, invece, si svolge dietro la scrivania ed ha inizio nei primi anni ’90. Inizia a collaborare part time nella campagna fiscale, ma poi viene assunta e per 15 anni sarà la segretaria dei segretari. Si occuperà dell’amministrazione ed avrà la responsabilità economia di tutta l’organizzazione. Durante la sua permanenza vedrà alternarsi nella segreteria provinciale i segretari generali: Ulisse Domini, Domenico Badii e Marco Salvini. Nel 2008 va in pensione, ma tutt’oggi continua a collaborare con l’organizzazione in vari ruoli.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Procura aretina ha aperto un’inchiesta sul decesso di un uomo di 69 anni che aveva ricevuto la prima dose del siero anti-Covid. Eseguita l'autopsia
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità