Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:35 METEO:AREZZO21°36°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L'arrivo di Trump alla convention repubblicana con l'orecchio bendato
L'arrivo di Trump alla convention repubblicana con l'orecchio bendato

Attualità mercoledì 31 gennaio 2024 ore 14:03

“Aperta a suggerimenti per arricchire il testo”

Tanti: “Ho incontrato le famiglie "pro nonni" nel regolamento, domani sarà il turno di chi è contrario a questo punto”



AREZZO — “Dal confronto con le famiglie "pro nonni" è uscita una richiesta chiara: mantenere la scelta di considerare la condizione dei nonni nei nuovi criteri di accesso ai servizi educativi. 

E' una posizione che mi vede, come si sa, d'accordo per due ragioni. La prima: il carico di cura di una famiglia che deve occuparsi di un bambino piccolo e anche di un nonno disabile o malato, non è la stessa di chi deve occuparsi di un bambino piccolo e magari può contare sull'aiuto dei nonni.
E questo è un fatto così ovvio che porta direttamente alla seconda ragione: da Prato ad Empoli, da Lucca a Pistoia ci sono criteri simili perchè sono di buon senso e sono applicati da tutte le parti politiche. Credo che i nonni siano parte delle famiglie e sono da tenere in considerazione non solo per l'aiuto che danno - molto - ma soprattutto per l'aiuto che possono richiedere e di cui hanno diritto. Nessuno confonde i servizi educativi con la rete affettiva, ma i criteri esistono per dare delle priorità: una famiglia che si prende cura di una persona anziana ha un livello di criticità maggiore di chi non è nella necessità di farlo, a meno che non si ritenga che un nonno molto anziano o disabile debba essere lasciato a se stesso.
Chi lo pensa si commenta da solo. Ovviamente sono disponibile ad ascoltare chi la pensa diversamente - cosa che farò domani come è giusto che sia anche raccogliendo suggerimenti. Del resto abbiamo tempo e modo per migliorare ancora un testo in uno dei suoi aspetti marginali e per certi versi di una ovvietà imbarazzante, testo che al momento non ha registrato nemmeno un voto contrario in commissione e questo la dice lunga sulla sua oggettiva validità. Ma in tutta onestà dico che considero ai limiti della irriverenza l'idea di non considerare i nonni come parte delle famiglie aretine: questa è una città che le possibili fragilità dei nonni le tiene in considerazione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno