Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:AREZZO18°37°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 25 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Paura sull'autostrada: la grandine è così forte che rompe il parabrezza
Paura sull'autostrada: la grandine è così forte che rompe il parabrezza

Attualità sabato 21 gennaio 2017 ore 10:05

"Basta spot sulla sicurezza"

I Popolari per Arezzo chiedono i fatti contro la criminalità che si registra in città. "Argomento usato in campagna elettorale, ci vuole concretezza"



AREZZO — "La mancanza di sicurezza è un problema percepito da tutti e la prossima amministrazione comunale non potrà far finta di niente". 

Questa dichiarazione è stata pubblicata il 19 maggio 2015, in piena campagna elettorale, sul sito di OraGhinelli e rappresentava uno dei punti di forza del programma che ha portato alla scelta del nuovo sindaco e della nuova giunta. A distanza di oltre un anno e mezzo, i Popolari per Arezzo denunciano come l'attuale amministrazione abbia disatteso le dichiarazioni legate alla sicurezza e come la situazione cittadina, se possibile, sia diventata ancor più preoccupante. Dai semplici scippi ai furti in appartamento, infatti, episodi di criminalità e microcriminalità interessano sempre più zone di Arezzo e delle frazioni, con un aumento del senso di paura e di incertezza percepito dai cittadini.

I Popolari per Arezzo chiedono dunque alla giunta cosa è stato fatto fino a questo momento per rendere la città più sicura, per tutelare gli abitanti e per attuare le promesse con cui OraGhinelli ha vinto le elezioni. "La mancanza di sicurezza nel territorio di Arezzo viene percepita distintamente per alcuni fattori fondamentali", si leggeva nel programma della lista, "Scarso investimento in risorse umane e mezzi che in questi ultimi nove anni ha trasformato la Polizia Municipale in un apparato burocratico i cui vertici non sono calati nella realtà locale; Vigili Urbani impiegati prevalentemente in ufficio mentre sulla strada il personale è scarso e demotivato; illuminazione pubblica insufficiente, sistemi di videocontrollo inadeguati e regolamenti comunali scarsamente applicati se non, in alcuni settori, disattesi". 

Tra i proclami, invece, rientrava l'attuazione di un "network di telecamere Hd innovativo" e la costituzione di un tavolo permanente che coinvolga, tra l'altro, tutte le forze dell'ordine. «Negli ultimi mesi - commentano i Popolari per Arezzo - abbiamo spesso trattato il tema della sicurezza chiedendo un maggior presidio del territorio da parte della Polizia municipale, un incremento del sistema di videosorveglianza e una lotta al degrado che passi attraverso la cura, l'illuminazione e la manutenzione di vie, piazze e parchi. Nulla di tutto ciò è stato fatto. L'amministrazione dovrebbe spiegare cosa è stato realmente attuato del programma e delle promesse elettorali che vedevano la "mancanza di sicurezza" tra le questioni urgenti da risolvere: basta spot, è l'ora di rendere la città più vivibile e di tutelare la tranquillità dei cittadini».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno