Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:17 METEO:AREZZO14°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Alberto Angela a Pompei: «Sperimenteremo la tecnica del piano sequenza»

Attualità giovedì 25 agosto 2022 ore 20:15

"Caro bollette fino al 140%", imprese sul baratro

Il direttore della Confesercenti aretina non nasconde la preoccupazione. Per Alvisi servono misure urgenti per evitare il collasso già in autunno



AREZZO — Caro bollette insostenibile per le imprese aretine che sono ormai a rischio collasso.  “Il caro bollette - insiste la direttrice di Confesercenti Arezzo Valeria Alvisi - è ormai una variabile fuori controllo che mina i bilanci delle attività e la loro redditività e che colpisce al tempo stesso le famiglie frenando i consumi. Un duplice danno che raddoppia gli effetti negativi per le imprese costrette a fronteggiare aumenti incontenibili e incontrollati”.

Secondo l'indagine di Confesercenti, elaborata su dati Innova, Unioncamere e Agenzia Entrate, se nel 2020 e 2021 un bar spendeva in media 6.700 euro per le bollette di luce e gas, nei prossimi dodici mesi, ipotizzando che gli aumenti attuali restino costanti, lo stesso bar spenderà 14.740 euro. Un aumento del 120% e un’incidenza sui ricavi aziendali che passa dal 4,9 % al 10,7 %. Allo stesso modo, un albergo medio vedrà lievitare la spesa per la bolletta energetica da 45.000 euro a 108.000 euro (+140 % con un’incidenza di oltre 25 punti percentuali sui ricavi). Un esercizio di vicinato da 1.900 euro a 3.420 euro (+80 %), un ristorante da 13.500 euro a 29.700 euro (+120 %).

“È evidente - aggiunge Alvisi - che già dal prossimo autunno si rischia il collasso di moltissime aziende. Per questo occorre intervenire urgentemente. Servono interventi rapidi, decisi e risolutivi”.
Confesercenti è impegnata a livello nazionale per chiedere l'estensione anche alle piccole imprese del credito d’imposta per l’energia elettrica (imprese con potenza < di 16,5 kwh), aumentare le percentuali di credito d’imposta almeno fino al doppio (da 15 a 30 e da 25 a 50 per il gas) e prorogare gli interventi almeno fino al 31 dicembre 2022.

“Sono misure urgenti che chiediamo - puntualizza concludendo la direttrice di Confesercenti “in prima istanza. Serve poi, parallelamente, avviare interventi ancor più incisivi, di medio periodo ma realizzabili in tempi relativamente brevi, per la diversificazione delle fonti e favorire con un bonus al 110% gli investimenti di chi può rendersi autonomo attraverso la produzione di energia pulita”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno