Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:56 METEO:AREZZO13°24°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Cronaca domenica 13 dicembre 2020 ore 12:30

Ceciliano ancora strada thrilling e rischio pedoni

Da mesi marciapiede interrotto per una casa pericolante e strisce per l'attraversamento provvisorie. Il semaforo sempre spento complica la situazione



AREZZO — Case Nuove di Ceciliano continua ad essere una delle zone della città più a rischio per i pedoni. Solo qualche mese fa l'ultima vittima. Una donna travolta mentre attraversava e deceduta dopo giorni di agonia. Ma la situazione è ancora la stessa.

La casa lungo la Strada Regionale 71 è ancora pericolante e il marciapiede, a causa della possibile caduta dei detriti, continua ad essere interrotto con blocchi in plastica, quelli tipici dei cantieri, oltre che essere "transennata" con il nastro bianco e rosso.

Così come le strisce per l'attraversamento pedonale sono ancora provvisorie, di colore giallo, e vanno a finire sul lato opposto del camminamento, in un accesso ad un piazzale di attività commerciali. Il tutto è complicato dal semaforo lasciato da tempo sempre spento, e quindi lampeggiante sull'arancione, e dalla scarsa illuminazione, che fa ancora più paura con i giorni di pioggia.

Attraversare, con auto e camion che letteralmente "sfrecciano" non avendo limitazioni arrivando ed andando in Casentino, è un'impresa. Ed ogni volta si mette a rischio la propria incolumità. Anche perché è necessario superare la Regionale per raggiungere negozi diversi, o per i residenti per spostarsi da una parte all'altra dell'abitato alle porte della città.

La lista degli incidenti in quel tratto è lunga e anche drammatica. Possibile che ancora non si sia riusciti a fare nulla? E che leggendo questo articolo sembri lo stesso di moltissimi altri scritti negli anni, se non pochi mesi fa piangendo l'ennesima vittima? Lasciamo la domanda aperta a chi di competenza, senza puntare il dito contro nessuno, ma facendoci portavoce anche di tanti cittadini.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno