Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:34 METEO:AREZZO11°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, rissa scoppiata alla Darsena tra lanci di bottiglie e scazzottate

Sport sabato 16 gennaio 2021 ore 11:39

Arezzo-Cesena, partita della verità LIVE dalle 15

Squadra rivoluzionata. I nuovi acquisti subito in campo. E' l'ultima gara del girone di andata. Coreografia dei tifosi fuori dello stadio



AREZZO — Adesso ci siamo. Non ci sono più scuse o attenuanti. Tutti ci credono. Oggi si gioca l'ultima gara del girone d'andata contro il Cesena ed i tifosi stanno organizzando una coreografia fuori dello stadio per trasmettere vicinanza e affetto ai giocatori e ringraziare  la società che sta facendo molto per il calcio aretino. Il mercato di gennaio è stato sontuoso e l'Arezzo ha praticamente cambiato pelle. Lo ha fatto nei ruoli nevralgici, quelli che fino ad oggi si sono mostrati più fragili e problematici.

E' stato acquistato Sbraga che ha già dimostrato di essere quel leader difensivo che l'Arezzo cercava da inizio stagione. Lui, insieme a Cherubin, formano un muro difensivo fatto di qualità ed esperienza. Senza dimenticarsi di Kodr che è una certezza.  Sulla sinistra c'è Karkalis, bravo a spingere ma anche a difendere e dall'altra parte è arrivato Ventola che può far rifiatare Luciani.

In mezzo al campo Arini e Di Paolantonio sono certezze e il neo acquisto Altobelli si è già inserito bene tra i due. La partita di domenica a Ravenna, infatti, è stata molto significativa in chiave tattica. Con l'innesto di Altobelli, Camplone ha avuto la possibilità di spostare Di Paolantonio in avanti, mossa che gli ha consentito anche di segnare la prima rete in maglia amaranto.

In avanti è arrivato Perez. Punta forte, di esperienza ed in grado di dare ancor più velocità alla squadra e far crescere il talento Zuppel. Poi c'è Cerci. In terra di Romagna l'ex Atletico Madrid è stato uno dei migliori in campo. Probabilmente il forte esterno è al 40-50% della forma ma uno della sua classe, anche in queste condizioni fisiche, è in grado di fare la differenza in Serie C.

Dall'altra parte c'é Cutolo che è sempre un fenomeno. Grazie al mercato, il capitano ha modo anche di poter rifiatare. Belloni è uno che nella formazione iniziale ci sta sempre bene e Di Grazia ha i numeri per poter fare molto bene.

Senza dimenticare il numero 1 Sala, portiere in grado di conquistare punti. Il mercato amaranto è stato ben articolato fornendo a Camplone anche quegli innesti di qualità come Carletti e Serrotti in grado di ben figurare e ambire ad un posto tra i titolari.

Insomma, la società si è mossa bene. Della squadra che ha iniziato il campionato solo il capitano e Luciani si sono salvati. Ora l'Arezzo ha una rosa competitiva. Sulla carta ci sono giocatori che possono ambire a palcoscenici ben più importanti ma come si sa il pallone è rotondo e ciò che conta è il campo.

Oggi alle 15 scende al Comunale il nuovo Arezzo e le aspettative sono alte. Intanto i tifosi stanno organizzando una coreografia lungo il percorso che porta i calciatori allo stadio. Striscioni, bandiere e fumogeni e tanto affetto. Il popolo amaranto crede in questa squadra che tra poche ore inizia un nuovo campionato.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Politica

Attualità