Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:50 METEO:AREZZO19°38°  QuiNews.net
Qui News arezzo, Cronaca, Sport, Notizie Locali arezzo
domenica 21 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cremonini canta 50 special al matrimonio di Bagnaia, gli sposi si scatenano
Cremonini canta 50 special al matrimonio di Bagnaia, gli sposi si scatenano

Attualità sabato 30 luglio 2016 ore 14:00

Cinta muraria, un patrimonio da recuperare

L'appello dei Popolari per Arezzo all'amministrazione comunale. "Lunghi tratti sono in stato di degrado e incuria, tra erba alta e scarsa sicurezza"



AREZZO — Tra le principali espressioni della storia di Arezzo rientra la cinta muraria che abbraccia l'intero centro cittadino. Lunghi tratti di questa monumentale opera giacciono però da molto tempo in stato di incuria e degrado, con la vegetazione alta e con qualche rischio per la sicurezza, testimoniato dalle numerose transenne che ne costellano il perimetro. Alla luce di questa situazione, i Popolari per Arezzo chiedono un pronto intervento all'amministrazione per avviare un'opera di manutenzione dei vari punti critici, per una riqualificazione che possa dare nuova dignità alle mura e che possa migliorare l'immagine cittadina agli occhi dei turisti e degli stessi aretini. 

«La cinta muraria - commenta il presidente Andrea Gallorini - è il simbolo del nobile passato della città di Arezzo e non può essere lasciata nell'attuale stato di abbandono».

Con la consapevolezza che sono assenti le risorse economiche per grandi interventi di restauro, in una prima fase sarebbe sufficiente provvedere ad una cura del verde dal momento che questo si presenta spesso incolto: piante e alberi sono infatti cresciuti sulle stesse mura verticali, denotando un'assenza di manutenzione che dura da anni. In contemporanea si rende necessaria la messa in sicurezza delle zone che presentano qualche pericolo. 

Oltre alla recinzione fissa posta intorno al bastione San Bernardo nell'area dell'Eden, camminando lungo la base della cinta è possibile imbattersi in numerose transenne che, ancora in piedi o riverse a terra, ne limitano l'avvicinamento e indicano un segnale di pericolo. Queste barriere dovrebbero essere solo un'opera di segnalazione provvisoria in vista di un pronto intervento, mentre in numerosi casi sono presenti ormai da molto tempo.

«La manutenzione ordinaria della cinta muraria - aggiunge Giovanni Grasso, vicepresidente dei Popolari per Arezzo - deve configurarsi come un intervento puntuale e continuativo nel tempo: attraverso piccole opere è possibile evitare il degrado delle mura e garantire una dignità che giova ai cittadini e ai turisti».


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno